Cossignano, preservare gli ulivi, questa sera l’incontro

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

UliviCOSSIGNANO – Venerdì 24 aprile alle ore 21:00, presso la Sala delle Culture della residenza municipale di Cossignano, si terrà un incontro sul tema “Preservare gli ulivi” organizzato dall’Amministrazione comunale. L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con il Bio-Distretto “Il Piceno”, promosso e coordinato dall’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica (AIAB Marche).

L’obiettivo è quello di informare e aggiornare gli addetti alla coltivazione olivicola e alla produzione olearia sulle tecniche di potatura e trattamenti fitosanitari con metodo chimico e biologico in funzione della qualità dell’olio. Quindi consigli e diffusione di buone pratiche agricole per la cura degli olivi a favore di una produzione di qualità dell’olio nei i suoi molteplici impieghi, in funzione delle ormai acclamate proprietà salutistiche dell’Extravergine d’oliva e degli altri prodotti dell’olivo per la salute umana, le sue caratteristiche e il suo crescente utilizzo nella cosmesi. Relazioneranno i docenti BRUNO AMURRI, LEONARDO SEGHETTI e RENATA ALLEVA mentre il Sindaco Roberto De Angelis presenzierà e condurrà l’incontro.

L’olio rappresenta un’importante fonte di reddito per diverse imprese agricole oltre che elemento basilare della dieta mediterranea. Purtroppo nelle Marche la produzione d’olio del 2014 è crollata di oltre il 50%, scendendo da oltre 40 mila ad appena 20 mila quintali. Se il 2014 resterà probabilmente nella storia come una delle peggiori annate dell’olivicoltura marchigiana, non bisogna dimenticare i passi da gigante compiuti in questi anni dall’extravergine nostrano, oggi diventato sinonimo di alta qualità. La coltura dell’olivo nelle Marche ha conosciuto negli ultimi trent’anni un’espansione passando dai circa 6500 ettari dei primi anni ‘80 ai 13.515 del 2010 (dati Istat). Sempre secondo l’Istat, le aziende olivicole nella regione sono circa 22.000 con 160 frantoi attivi. Per quanto riguarda il biologico, le aziende sono 1.000, per una superficie di circa 1.600 ettari. Le attuali coltivazioni biologiche dimostrano come la coltivazione dell’olio ben si presti all’adozione di tecniche colturali ecocompatibili con le caratteristiche del paesaggio marchigiano. Il valore della produzione olivicola marchigiana è di 20 milioni di euro circa. Le Marche vantano anche due Dop nel settore olivicolo (Olio di Cartoceto Dop e Oliva Ascolana del Piceno Dop). Sempre più vicino è il riconoscimento della IGP Olio extravergine d’oliva delle Marche, in cui si punta su 12 cultivar locali, espressione del giusto legame tra prodotto tipico di qualità e territorio. Salvaguardare la resa e la qualità dell’olio anche in annate difficili, tra tecniche agronomiche ed interventi fitosanitari nella gestione dell’oliveto sarà dunque il tema cardine della serata, in un territorio in cui la coltivazione e l’estrazione ha una lunga tradizione, a partire dal territorio della provincia di Ascoli Piceno, mentre si auspica che nella vetrina internazionale di Expo si possa valorizzare anche la qualità dell’olio marchigiano per promuovere il territorio rurale e favorire flussi turistici legati all’ambiente, alla cultura e alla scoperta di destinazioni minori ma sicuramente preziose come ad esempio il piccolo e antico borgo di Cossignano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *