Web, il ficcanaso che amiamo tanto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

internet“Smartphone, tablet e dispositivi analoghi rivestono un ruolo sempre più importante nella vita quotidiana di molte persone, e voglio essere certa che i mercati in questo settore possano svilupparsi senza alcuna restrizione anti-concorrenziale imposta da qualche azienda”. Quando Margrethe Vestager, agguerrita commissaria europea per la politica di Concorrenza, ha pronunciato queste parole, mercoledì 15 aprile, puntando ufficialmente il dito (con l’avvio di una procedura dell’Esecutivo di Bruxelles) verso Google, affermava due solide convinzioni. La prima riguarda il fatto che nell’era digitale viviamo come delle appendici rispetto al nostro cellulare o pc o tablet e molti, moltissimi non ne possono più fare a meno. Si va verso una società web-dipendente e, a quanto pare, sta bene pressoché a tutti. In secondo luogo Vestager richiamava il fatto che, proprio per questa importanza crescente del web nella vita di ogni giorno, il mercato dev’essere libero, regolato e deve andare a vantaggio dei cittadini-consumatori oltre che delle aziende del settore.
Da qui la decisione di contestare al colosso Google l’“abuso di posizione dominante” (una formulazione da far tremare grammaticalmente e concettualmente i polsi), avviando allo stesso tempo “un’indagine antitrust distinta sul comportamento di Google relativo al sistema operativo mobile Android”.
Anche se all’apparenza sembra che la Commissione abbia il dente avvelenato con Google, l’azione appare giustificata e, come puntualizzato dalla stessa commissaria (bontà sua), “Google ha ora l’opportunità di convincere la Commissione del contrario”.
Al di là del caso in questione, rimangono sul tavolo i giganteschi interrogativi sulle modalità con le quali ci approcciamo a Internet e alle innumerevoli, quasi infinite, sue potenzialità. La rete arriva dappertutto: ci sveglia alla mattina, si inserisce nella nostra vita sentimentale, modella – almeno per tanti – la giornata lavorativa, ci informa, ci rilassa e diverte, regola il riscaldamento di casa, indica la strada per raggiungere una meta sconosciuta; consegna l’indice delle Borse di tutto il mondo, guida i turisti, apre a conoscenze inimmaginabili fino all’altro ieri. Poi torna a ficcare il naso nella vita privata, diventa strumento d’azione della malavita, e, ancora, regala le previsioni del tempo di Tokyo e di Mumbasa… Alle domande di Vestager se ne dovrebbe aggiungere altre, quindi: è proprio sempre necessario dipendere in tutto e per tutto dal nuovo e vero “grande fratello”? Siamo sufficientemente preparati a conviverci? I nostri ragazzi vengono “educati” a un uso consapevole e utile di Internet con l’utilizzo di cellulare e computer? I mercati hanno regole sufficienti per prevenire le derive del web? E, non di meno, quella parte di popolazione mondiale che sostanzialmente non ha accesso a questa opportunità, quando entrerà nell’era digitale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *