Patrignone presso la Santissima Annunziata di Patrignone torna la rassegna corale “Voci dalle colline”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Corale

Di Lauretanum

MONTALTO DELLE MARCHE – Nella splendida cornice della chiesa rurale della Santissima Annunziata di Patrignone, in Montalto delle Marche, restaurata per la ferrea volontà e per la fattiva collaborazione di alcuni amici e di diversi parrocchiani legati a questo antichissimo luogo di culto, Sabato prossimo, 18 aprile, dalle ore 21:15, si terrà, come da tradizione all’inizio della stagione primaverile, l’ormai affermata Rassegna corale “Voci dalle colline”. Nata dall’esperienza dei coristi della Corale parrocchiale “Sancta Maria in Viminatu”, diretti da sempre dal Maestro Marco Fazi, il quale, dal confronto e dalla spinta iniziale del compianto Parroco don Tiberio Caferri, estremamente sensibile alla musica e al canto corale, riorganizzò nel 1995 il più modesto Coro parrocchiale, che animava le celebrazioni liturgiche, e che oggi può invece contare su un organico di oltre trenta elementi, questa Rassegna è giunta alla sua nona edizione, da quando, dopo aver in primo momento iniziato una collaborazione con il Coro “La Cordata” del capoluogo sistino, nella partecipazione al “Festival degli Appennini” e nell’organizzazione del Concerto natalizio “Capanna Sanda”, entrambi nella Basilica montaltese, la realtà corale patrignonese ha iniziato un suo fecondo cammino di visibilità e di apprezzata partecipazione a iniziative e concorsi a livello regionale e nazionale. Ospiti della Rassegna di Sabato altri due Cori: la Corale “Cantando” di Macerata, diretta dal Maestro Gian Luca Paolucci, e il Coro “Slavaz” di Tesero (TN), con la direzione del Maestro Alberto Zeni. Nel presentare la manifestazione di Sabato prossimo, il giovane Presidente della bella e vivace realtà collinare, Mattia Amadio, ha ricordato lo straordinario potere dei canti alpini e popolari, che arricchiscono la nostra quotidianità di nuove immagini che ci parlano di amore, di valori, di unità e, purtroppo, anche di guerra. “Qui mi sono ricollegato – sottolinea Mattia – al Centenario dello scoppio della Prima Guerra Mondiale. Ho ricordato tuttavia che questi canti parlano anche di amicizia, come quella che può instaurarsi tra Cori.
E al fatto che proprio con queste due realtà corali c’è un rapporto di amicizia e di collaborazione ormai da diversi anni. Con la “Cantando” già fin dal 2007, con lo “Slavaz” qualche anno dopo. Tutti invitati dunque a Patrignone, nei pressi del Cimitero Civico, dove sorge l’ampia ed elegante chiesa che accoglierà questo evento, per una serata all’insegna della musica e del canto, ma ancor più della fraternità e della gioia cristiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *