FOTO Cristo morto Grottammare, tutte le immagini

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

GROTTAMMARE – Si è svolto Venerdì Santo a Grottammare il “Cristo morto”, tradizionale Via Crucis che si svolge ogni 3 anni. Grande affluenza di fedeli soprattutto nella zona centrale e sul curvone della cuprense. Moltissimi i figuranti (circa 500) che hanno prestato se stessi alla Sacra Rappresentazione della Passione di Gesù.

Ad organizzare il tutto la Confraternita dell’Addolorata di Grottammare, il cui vero nome è : “della Passione e morte di Nostro Signore Gesù Cristo e dei dolori di Maria Vergine”. La macchina organizzativa è partita lentamente, quando tutti i figuranti si sono radunati, intorno alle 20 di venerdì, in “3” punti focali del Paese Alto, a seconda del ruolo interpretativo: Sant’Agostino, Piazza Peretti e infine Chiesa di Santa Lucia. A poco a poco, dopo una breve riflessione di Don giorgio Carini sul significato dell’Evento, con l’aiuto dell’organizzatore Vincenzo D’Ercoli, che chiamava uno per uno i figuranti o i gruppi di figuranti, il corteo ha costituito una fila, un vero e proprio”serpentone” che a poco a poco, ha iniziato a discendere verso la “marina” di Grottammare. Tra le curiosità e le figure nuove che hanno colpito, il nuovo “diplomatico”, giovanissimo, che ha preso il posto dello zio, i ragazzi della scuola media “Leopardi”, molti dei quali portavano gli stendardi rappresentanti i simboli della Passione ( il gallo, i Chiodi ecc.), una “soldatessa” romana , l’ottimo servizio d’ordine organizzato con i walkie talkie e la straordinaria serietà e compostezza dei figuranti. Quando il corteo era sulla via del ritorno, presso la chiesa di San pio V, il Vescovo Carlo Bresciani si è unito, fino alla conclusione, che si è svolta , come da tradizione, in piazza Peretti, sul sagrato della chiesa di San Giovanni Battista. Qui il Vescovo, dopo aver ascoltato il “Miserere” dalle coriste del 3° coro dalla scalinata di quello che un tempo era l’antico municipio di Grottammare e oggi è l’ingresso del teatro dell’Arancio, ha salutato i presenti. ” Questo corteo – ha sottolineato – ci rappresenta il dolore, ma soprattutto l’ingiustizia, che ancora, tante volte nel mondo accade ieri come oggi. Ma ci rappresenta anche l’Amore di Gesù Cristo per l’Umanità e la speranza del riscatto dell’esistenza“.

Dopo la benedizione ai figuranti, assieme con il clero intervenuto, Don Guido Coccia, Don Andrea Spinozzi, Don Eugenio, Don Romualdo e altri sacerdoti, il Vescovo Carlo Bresciani si è intrattenuto a salutare le Autorità civili, il sindaco Enrico Piergallini e gli Amministratori tutti, le forze dell’ordine in alta uniforme e il popolo, giunto nella piazzetta per vivere la conclusione del Cristo morto. Ricordiamo che ne ha parlato anche il quotidiano nazionale “Avvenire” diffusamente, nei giorni scorsi. Ora l’appuntamento è al 2018, per una nuova edizione tradizionale del Cristo morto, ma sempre ricca di novità, per offrire una continuità tra passato e presente, senza mai toccare lo stucchevole o il teatrale. Complimenti a tutti coloro si sono adoperati per la riuscita della manifestazione sacra. Buona Pasqua a tutti!

Susanna Faviani

Giornalista pubblicista dal '98 , ha scritto sul Corriere Adriatico per 10 anni, su l'Osservatore Romano , organo di stampa della Santa Sede per 5 anni e dal 2008 ad oggi scrive su L'Avvenire, quotidiano della CEI. E' Docente di Arte nella scuola secondaria di primo grado di Grottammare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *