Padre Cantalamessa: “Indifferenza istituzioni” sui martiri Cristiani

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Raniero Cantalamessa“I cristiani non sono certamente le sole vittime della violenza omicida che c’è nel mondo ma non si può ignorare che in molti Paesi essi sono le vittime designate e più frequenti”: lo ha detto ieri padre Raniero Cantalamessa, durante la predica del Venerdì Santo nella Basilica di San Pietro, nella quale ha commentato il processo di Gesù di fronte a Pilato. “C’è stato qualcuno – ha osservato il predicatore della Casa pontificia – che ha avuto il coraggio di denunciare, da laico, la inquietante indifferenza delle istituzioni mondiali e dell’opinione pubblica di fronte a tutto ciò, ricordando a che cosa una tale indifferenza ha portato nel passato. Rischiamo di essere tutti, istituzioni e persone del mondo occidentale, dei Pilati che si lavano le mani”. “Quanti ‘Ecce homo’ nel mondo – ha detto -. Quanti prigionieri che si trovano nelle stesse condizioni di Gesù nel pretorio di Pilato: soli, ammanettati, torturati, in balia di militari rozzi e pieni di odio, che si abbandonano a ogni sorta di crudeltà fisica e psicologica, divertendosi a veder soffrire. L’esclamazione ‘Ecce homo’ non si applica solo alle vittime ma anche ai carnefici. Vuole dire: ecco di cosa è capace l’uomo! Con timore e tremore, diciamo pure: ecco di cosa siamo capaci noi uomini”.

“Il problema della violenza – ha sottolineato – ci assilla, ci scandalizza, oggi che essa ha inventato forme nuove e spaventose di crudeltà e barbarie. Noi cristiani reagiamo inorriditi all’idea che si possa uccidere in nome di Dio”. A chi obietta che anche la Bibbia è piena di storie di violenza, padre Cantalamessa ha replicato: “Il genuino pensiero di Dio è espresso dal comandamento ‘Non uccidere’ più che dalle eccezioni fatte ad esso nella Legge, che sono concessioni alla ‘durezza del cuore’ e dei costumi degli uomini”. Cristo, sul Calvario, “pronuncia un definitivo ‘No!’ alla violenza – ha precisato -, opponendo ad essa, non semplicemente la non violenza ma di più, il perdono, la mitezza e l’amore. Se ci sarà ancora violenza essa non potrà più, neppure remotamente, richiamarsi a Dio e ammantarsi della sua autorità.
Farlo significa far regredire l’idea di Dio a stadi primitivi e grossolani, superati dalla coscienza religiosa e civile dell’umanità”. “I veri martiri cristiani – ha concluso padre Cantalamessa, invitando a pregare per i fratelli di fede perseguitati – non muoiono con i pugni chiusi ma con le mani giunte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *