Slovacchia, con i fatti dalla parte delle donne in gravi difficoltà

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
mammaDanka Jaceckova
Il Forum per la vita – la più grande piattaforma pro-vita e pro-famiglia in Slovacchia, che riunisce 49 organizzazioni non governative che operano nel campo della tutela della vita umana e della sua dignità, dal momento del concepimento fino alla morte naturale – sta portando avanti in questi giorni una delle sue campagne più importanti, intitolata “25 marzo – Giornata del bambino concepito”. Oltre alla dimensione dell’educazione e della formazione dei vari livelli della società nel campo della protezione della vita nascitura, si sta cercando di attirare l’attenzione dell’opinione pubblica su un progetto d’aiuto concreto alle donne rimaste incinte in modo non programmato e alle madri con bambini nel bisogno. Abbiamo interpellato Zuzana Stohlova Kinova, direttrice del Servizio di consulenza Alexis, che fa parte del Forum per la vita.

Gli attivisti a favore della “libera scelta” spesso criticano le iniziative pro-vita, sostenendo che oltre ad andare contro i diritti delle donne, queste azioni rimangono solo a livello teorico e non offrono soluzioni pratiche alle donne in difficoltà. Qual è la situazione in Slovacchia?
“Questa questione va vista in una duplice dimensione. La prima è che, come lei stessa ricordava, costoro affermano che la nostra azione andrebbe ‘contro i diritti delle donne’. Credo che a questo proposito dovremmo iniziare a parlare di responsabilità. Dobbiamo ammettere che molte gravidanze impreviste o indesiderate sono il risultato di uno stile di vita troppo libero e che molte donne usano l’aborto come una sorta di contraccezione, senza preoccuparsi molto della vita e della salute del loro bambino, né della propria salute. Noi non giudichiamo e il nostro aiuto è rivolto a tutti, ma penso che la gente debba smettere di essere egoista e di guardare una creatura concepita come se fosse una cosa insignificante, senza diritti. Occorre rendersi conto che anche un embrione di poche settimane è un essere umano con la sua innegabile dignità. Un’altra dimensione che lei ha citato è quella dell’aiuto concreto alle donne in gravidanza e alle ragazze in difficoltà, o alle madri con bambini che si trovano in situazioni di bisogno. Questa è l’area in cui ho avuto l’opportunità di lavorare per più di cinque anni collaborando in due bellissimi progetti: l’Alexis Counselling Service (Servizio di consulenza Alexis) e Let’s save lives (Salviamo vite umane). Il primo offre servizi di consulenza in situazioni di vita complicate. Disponiamo di una vasta rete di esperti nei settori della medicina, della psicologia e del diritto che ci aiutano a gestire i casi con un elevato livello di professionalità e sensibilità. Il progetto Let’s save lives fornisce un aiuto finanziario concreto e un posto dove vivere a queste donne, in strutture specializzate o presso istituzioni, se non hanno un posto dove stare o se sono vittime di violenza domestica”.

Cominciamo con il Servizio di consulenza Alexis; può darci qualche numero concreto e alcuni esempi dei problemi e delle situazioni che contribuite a risolvere?

“Di frequente siamo l’istituzione di primo contatto; le ragazze e le donne adulte che vengono da noi sono spesso spaventate e insicure. I nostri dipendenti e collaboratori sanno molto bene quanto sia importante gestire le loro preoccupazioni nel modo giusto. Abbiamo iniziato il nostro lavoro nel 2009 e da allora abbiamo fornito la nostra consulenza in 731 casi. La maggior parte erano casi di gravidanze inattese di ragazze molto giovani o gravi forme di sindrome post-abortiva. Potrebbe sorprendere, ma ci sono stati anche alcuni uomini che ci hanno contattato per un problema con la loro partner o moglie che stava valutando l’ipotesi di abortire, ma loro non erano d’accordo con questa decisione e ci chiedevano di aiutarli a salvare la vita del nascituro. Poi ci sono i casi di donne con diversi bambini piccoli, a volte anche incinte, che sono state abbandonate dal partner, o sono vittime di violenza domestica. In queste situazioni, la nostra consulenza non è sufficiente e occorre metterle in contatto con istituzioni che possano fornire loro un sostegno concreto”.

Ciò che sta dicendo include anche il progetto “Let’s save lives”?
“Esatto. Quando il problema non può essere risolto soltanto attraverso la consulenza degli esperti, consigliamo alla persona interessata di aderire al progetto ‘Let’s save lives’, nell’ambito del quale è stato creato un programma concreto di sostegno che include un aiuto finanziario, protezione, alloggio, copertura delle necessità fondamentali, la maggior parte delle volte per un periodo di un anno. Vorrei ringraziare tutti coloro che ci sostengono attraverso le loro donazioni, in quanto questa è l’unica fonte di finanziamento delle nostre attività. Dall’inizio del progetto, nel 2008, abbiamo raccolto quasi 220mila euro, e l’intero importo è stato distribuito tra le donne in attesa e le madri con bambini in difficoltà. In questo modo, abbiamo potuto aiutare 105 donne e sono nati 87 bellissimi bambini. Alcune loro immagini si possono trovare sul sito web www.zachranmezivoty.sk Riceviamo anche il sostegno morale e pratico della Conferenza episcopale della Slovacchia, alla quale siamo molto grati. Ogni vita umana vale la pena di essere salvata, e anche se abbiamo un rispetto assoluto per la libertà personale e la privacy delle donne che aiutiamo, ognuna di quelle vite è incisa nei nostri cuori in modo speciale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *