Le pagliarole di Acquaviva Picena in vetrina a Milano

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ACQUAVIVA PICENA – Da oggi a Milano si terrà il grande evento di Primavera dove saranno ospiti tutti i Comuni Bandiera Arancione d’Italia, riconosciuti dal Touring Club Italiano, tra cui Acquaviva Picena.

Venerdì 27 marzo con la “Cerimonia di premiazione nazionale” sono stati premiati premiati i Comuni ai quali è stato confermato – per il prossimo triennio 2015-2017 – il marchio Bandiera Arancione, che certifica la qualità turistico ambientale dei piccoli borghi dell’entroterra che si distinguono per un’offerta di eccellenza e un’accoglienza di qualità.
Oggi e domani, 28 e 29 marzo, presso Piazza delle Armi del Castello Sforzesco di Milano, si svolgerà invece l’evento di promozione dei territori “arancioni” attraverso l’esposizione e la degustazione di prodotti locali, nonché raccontando le peculiarità dei borghi Bandiera Arancione; in rappresentanza del Comune di Acquaviva Picena saranno presenti la Cantina Capecci con i vini locali e l’Associazione Laboratorio Terraviva con le tradizionali pagliarole, cesti in paglia intrecciata.
Inoltre verrà data l’esclusiva possibilità a dei paesi accuratamente selezionati che si distinguono per storia, cultura, enogastronomia ed artigianato di raccontare le proprie caratteristiche;
difatti nella mattinata di domenica 29 marzo, alle ore 10:30, nell’ambito della manifestazione “Exploring Bandiere Arancioni”, l’Associazione Laboratorio Terraviva dimostrerà la lavorazione a mano delle pagliarole, spiegandone storia e metodo di realizzazione.
Un’occasione unica all’interno di un suggestivo scenario quella offerta dal Touring Club Italiano – dichiara l’Assessore al turismo Elisabetta Rossi -, che ci consente di mostrare e far conoscere la nostra più antica tradizione artigianale. Colgo l’occasione per ringraziare l’Associazione Laboratorio Terraviva, guidata dal Presidente Filippo Gaetani, per l’impegno profuso nel tramandare la lavorazione delle pagliarole, anche attraverso l’organizzazione di corsi di formazione e tutte le signore acquavivane che, ancora oggi, con impegno e dedizione si dedicano a questa attività artigianale“.
Pierpaolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *