Provincia, Orientamento tavolo tecnico con docenti delle medie

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ScuolaDefinire strategie e progettualità condivise per rafforzare l’orientamento dei ragazzi delle scuole medie: è questo l’obiettivo del tavolo tecnico tenutosi ieri al Centro dell’Impiego di Ascoli alla presenza di rappresentanti istituzionali, referenti degli istituti secondari di primo grado e mondo del lavoro. La tavola rotonda, coordinata dal funzionario della Provincia Stefano Girolami, è stata utile per gettare le basi di un rinnovato piano d’intervento sulla base del protocollo d’intesa siglato dalla Regione Marche per implementare il sistema orientativo delle giovani generazioni.

La Provincia – ha ricordato Girolami – intende promuovere un intervento che, sull’onda del grande interesse ottenuto dal progetto ‘Pro.Me’, possa alimentare la cultura dell’orientamento non solo tra dirigenti scolastici e corpo docente, ma anche tra studenti e genitori. In tale direzione, è in definizione un percorso condiviso per la formazione di personale specializzato e, nel contempo, volto alla stesura di progetti innovativi da inserire fin dal prossimo anno scolastico nei piani di studio dei singoli Istituti.

Al tavolo, era presente anche il dott. Luigi Passeretti che, in rappresentanza della CNA, ha ribadito l’impegno a collaborare fattivamente per rendere più completa l’offerta formativa “abbinando una parte teorica, curata direttamente dalla Provincia, con una pratica che, sulla base del progetto ‘Il volo’, si snoderà in laboratori tematici pensati per accompagnare concretamente i ragazzi alla scoperta dei profili lavorativi dell’artigianato più richiesti nel Piceno.

All’incontro, infine, non è voluto mancare il Consigliere Provinciale Sergio Corradetti che, dopo aver portato il saluto dell’Amministrazione Provinciale ai borsisti delle categorie svantaggiate, ha confermato “l’interesse e la vicinanza dell’Ente a sostenere sempre nuove politiche attive in grado di intercettare le richieste occupazionali e produttive del territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *