Italia, il tasso di persone a rischio di povertà o esclusione sociale è pari al 28,4%

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

povertàLe persone a rischio di povertà o esclusione sociale in Italia sono aumentate di oltre 2,2 milioni negli ultimi sei anni di crisi: sono passate da 15.099.000 a 17.326.000, afferma il Censis nel rapporto “La composizione sociale dopo la crisi”, presentato ieri a Roma.
Il tasso di persone a rischio di povertà o esclusione sociale è pari al 28,4% in Italia, superiore a Spagna (27,3%), Regno Unito (24,8%), Germania (20,3%) e al valore medio dell’Ue (24,5%). Aumentate le disuguaglianze perché chi meno aveva ha perduto di più: nell’ultimo anno, osserva il Censis, “gli operai hanno avuto un taglio della spesa media familiare mensile del 6,9%, gli imprenditori del 3,9% e i dirigenti dell’1,9%”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *