A tu per tu con la maestra Erika Piergallini che ha aperto da poco un Nido Famiglia

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Erika

Oggi ho avuto il piacere di conoscere Erika, neo laureata che da poco ha aperto un Nido Famiglia. Ecco cosa mi ha raccontato…

Qual è stato il tuo percorso di studi?
Ho frequentato il liceo linguistico presso l’Itc Augusto Capriotti perché credo che conoscere le lingue, anche un minimo, sia veramente indispensabile! Poi, però, ho seguito quella che è la mia più grande passione…il mondo dei bambini! Mi sono laureata con il massimo dei voti in Scienze dell’educazione e della formazione a Novembre 2012 poi,a Luglio 2014, in Pedagogia e Scienze umane presso l’Università di Macerata. A maggio 2013 mi è stato conferito dal Rettore della mia Università il diploma di Eccellenza per il miglior risultato conseguito. Infine, mi sono iscritta all’albo provinciale degli operatori di nido domiciliare.

In cosa consiste esattamente il tuo lavoro? Da quanto tempo lo svolgi?
Dopo un periodo di tirocini ed esperienze lavorative in asili nido e ludoteche e dopo qualche difficoltà incontrata nel trovare un lavoro in cui esprimere a pieno le mie competenze, una volta diventata Pedagogista, ho deciso di iniziare a gestire sin da subito un Nido Famiglia a Centobuchi.
Nello specifico, ospito presso un nuovissimo appartamento al piano terra della mia abitazione un piccolo numero di bambini proprio come un normale asilo nido, che ha, però, numerosi vantaggi: prima di tutto i bambini imparano a conoscere il mondo e a socializzare in modo sano, poiché essendo in numero ridotto, si trovano più a stretto contatto con l’educatrice e vivono la giornata in modo sempre sereno e tranquillo, un po’ come se fossero a casa propria; l’ambiente familiare ed accogliente, per nulla dispersivo e caotico, permette di evitare un distacco traumatico dalle proprie figure familiari. Un buon inserimento è anche facilitato dal fatto che al suo fianco il bambino ha sempre le stesse figure educative, appositamente formate, motivate e disponibili, che riescono a dedicarsi in modo molto attento a lui. Al mio fianco c’è un educatore per la motricità che organizza un corso di psicomotricità gratuito a quanti frequentano il nido tutto l’anno. Oltretutto, il numero ridotto assicura anche una bassa diffusione ed un minor contagio delle malattie infettive.
Tra le attività, oltre alla psicomotricità, proponiamo giochi euristici, d’imitazione, costruzioni, letture di fiabe, lavoretti vari, ascolto della musica, inglese, laboratori vari ed attività specifiche per lo sviluppo del linguaggio. Inoltre, grazie al grande giardino (con una parte esclusivamente riservata ai bambini e protetta dai pericoli) e all’orto, non appena possibile, osserveremo da vicino i cicli della natura, a partire dai germogli. La mia filosofia è quella di lasciar crescere i nostri piccoli, lasciarli esprimere e scoprire ogni aspetto della vita: la materia, il cibo, i compagni di avventura, la natura…il mondo!
Il mio nido famiglia offre un servizio qualificato al pari di un nido tradizionale, poiché, oltre alla qualifica provinciale di Operatrice domiciliare (requisito fondamentale per avviare un nido domiciliare), sono anche una Pedagogista. Stilo un preciso programma didattico e pedagogico specifico per ogni età, annuale e giornaliero. Ai bambini ogni giorno viene proposta un’attività nuova, oltre che il normale tempo per il gioco libero e per il relax.
Il pomeriggio, in base alle iscrizioni, in un’aula a parte adeguatamente isolata e munita di materiali didattici, ci dedichiamo anche ai bambini più grandi (elementari e medie), come attività di doposcuola e di potenziamento allo studio, affinché essi possano acquisire un proprio metodo. Inoltre, ci occupiamo anche di disturbi specifici dell’apprendimento.
Infine, questo nido famiglia fa parte di una rete nazionale, Scarabocchiando, che segue oltre 150 nidi famiglia in tutta Italia e li monitora costantemente attraverso costanti aggiornamenti con psicologi, pedagogisti, nutrizionisti e tanti altri esperti molto validi nel settore dell’infanzia.

Perché hai scelto di fare questo lavoro?
Ho scelto di fare questo lavoro per molti motivi. In primis perché ho sempre adorato i bambini e loro hanno sempre ricambiato (sono loro a scegliere te!), poi perché ho seguito uno specifico percorso di studi con impegno e determinazione e, infine, perché ho sempre sognato di avviare una struttura per l’infanzia innovativa, speciale, attenta ai bisogni dei bambini e alle precise richieste dei loro genitori. La struttura migliore mi è sembrata proprio quella del nido famiglia; infatti nel nostro nido l’orario è flessibile e viene concordato proprio in base alle specifiche esigenze dei genitori stessi e, ospitando pochi bambini, si riesce a dar loro le giuste attenzioni di cui hanno bisogno. Infine, siamo sempre in contatto coi genitori e possiamo informarli in tempo reale di ciò che accade e di come si comporta il proprio bambino, soprattutto nel momento più delicato, che è quello dell’inserimento.

Quali sono, secondo te, gli aspetti positivi e negativi del tuo lavoro?
Gli aspetti negativi sono sicuramente il fatto che lavoro molte ore al giorno. Qui non ci sono tante maestre e tanti turni.Inoltre, a fine giornata, la struttura va pulita da cima a fondo e anche tutti i giochi,l’igiene è un aspetto fondamentale del nostro piccolo nido e di grande importanza per le strutture dai 3 mesi ai 3 anni. Poi, una volta terminata la pulizia, ricomincio a progettare e a pensare al giorno dopo, quindi è un lavoro non poco impegnativo. Oltre a ciò, non c’è da sottovalutare la responsabilità di cui ci si deve far carico nel momento in cui una mamma e un papà ti affidano il suo bene più prezioso.
L’aspetto positivo è che vedo i bambini imparare, crescere, migliorare le loro abilità di giorno in giorno. I bambini sono sinceri, spontanei, veri e ti danno amore con un semplice sorriso, questa per me è la cosa più bella e gratificante del mio lavoro! Sono felice perché questo progetto ha riscosso tantissimo successo, continuo a ricevere tante chiamate e tante e-mail, molti sono i genitori che hanno chiesto di mantenere il posto anche per l’anno prossimo e manca davvero poco per chiudere le iscrizioni dell’anno 2015/2016.

Lo consiglieresti ad un tuo coetaneo?
Sicuramente si, ma solo se ha una grande passione per i bambini e se ha un’adeguata formazione a riguardo. I bambini hanno bisogno di tanta passione e una particolare disposizione nello stare con loro, non ci si può limitare a guardarli o sorvegliarli affinché non si facciano male…i bambini hanno bisogno di stimoli e non vanno lasciati allo sbaraglio,come se l’asilo fosse un parcheggio. Pertanto, secondo me, non ci si può assolutamente improvvisare nella gestione di un asilo nido perché richiede tanto impegno e tanta dedizione, oltre che molte responsabilità.

Per finire, come possono i genitori contattarti per iscrivere i loro figli?
Potete contattarmi su scarabocchiandocentobuchi@yahoo.it in qualsiasi momento o al tel. 3420505940, possibilmente dal lunedì al venerdì dalle ore 17.30 alle 18.30. Se realmente interessati, potete prenotate un appuntamento per vedere il nostro nido.
Mancano pochissimi posti per l’anno scolastico 2015/2016!!! Infine, se vi va, potete mettere un Mi Piace alla Pagina Facebook Scarabocchiando a casa di Tata.

0 thoughts on “A tu per tu con la maestra Erika Piergallini che ha aperto da poco un Nido Famiglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *