Per tutta la notte in fila di fronte al centro dell’impiego a San Benedetto e ad Ascoli, Stefano Novelli: “Umiliata la dignità dei cittadini”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
San Benedetto
Foto dell’Assessore Fabio Urbinati

PROVINCIA – Durante la notte tantissime persone si sono appostate in fila di fronte ai centri di Ascoli Piceno (via Kennedy 34) e San Benedetto del Tronto (via Mare 216) dove la provincia ha predisposto che saranno in via esclusiva a disposizione per la sola ricezione delle domande relative all’avviso regionale “Interventi a sostegno del reinserimento dei soggetti disoccupati Over 30 tramite l’attivazione di tirocini formativi”.
Fin dalle ultime ore di domenica 8 marzo tanti giovani e non, si sono messi in fila per poter prendere i posti più buoni per la presentazione della domanda al relativo centro dell’impiego.

Varrà infatti come criterio di selezione l’ordine di presentazione della documentazione, il bando è stato predisposto dalla Regione Marche.

L’Assessore di San Benedetto del Tronto Fabio Urbinati verso le 23.45 di domenica 8 marzo è andato a trovare le persone in fila di fronte al centro per l’impiego di San Benedetto del Tronto: “Mi trovo a Porto D’Ascoli al centro per l’impiego, ci sono già in fila più di 20 persone per una borsa lavoro della regione di 650 euro lorde al mese.
In fila anche giovani mamme e padri di famiglia!
Non riesco a capire chi abbia inserito il criterio della cronologia riguardo alla presentazione delle domande.
Non ho parole, voglio solo ringraziare i componenti del comitato di quartiere Mare che lasceranno aperta la loro sede per tutta la notte! Che tristezza!”

Stefano Novelli consigliere provinciale commenta: “La vicenda relativa al bando over 30 redatto dalla Regione Marche che in queste ore si sta consumando, indigna poiché mortifica la comunità Picena.
Umilia la dignità di cittadini che anziché esser sostenuti in un percorso di emancipazione sociale e civile assicurato dal lavoro, impone la rincorsa ad una selezione intollerabile e vessatoria.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *