Parlamento UE: antisemitismo e libertà religiose le sfide europee

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Ebrei“A seguito degli ultimi episodi di antisemitismo in Europa e gli attentati terroristici di Parigi e Copenaghen ho ritenuto doveroso aprire con urgenza un dibattito ufficiale sul rischio di una nuova ondata di antisemitismo” nel vecchio continente.
Fulvio Martusciello, presidente della Delegazione per le relazioni con Israele del Parlamento europeo, chiarisce l’argomento posto nell’agenda della riunione odierna della Delegazione. Tre i relatori invitati, che toccheranno i temi della sicurezza dei centri di interesse ebraici, del ritorno di fenomeni di intolleranza e violenza verso le comunità religiose: Jason Isaacson (direttore per la politica di Ajc Global Jewish Advocacy); Stéphane Teicher (vicepresidente di B’nai B’rith Francia), Jane Braden-Golay (presidente Unione europea degli studenti ebraici).
“Gli eventi tragici degli ultimi mesi dimostrano che l’antisemitismo rimane una sfida per la sicurezza nell’Ue”, chiarisce Martusciello. “Nonostante la proibizione di discriminazione per motivi razziali, etnici e religiosi, che è alla base di tante convenzioni internazionali, vediamo un aumento allarmante di esclusione, minacce e violenza”.
“La nostra riunione serve a riflettere sulle misure che l’Ue può prendere contro questi sviluppi pericolosi ma soprattutto offre la possibilità di stimolare un dialogo costruttivo per evitare qualsiasi forma di radicalizzazione religiosa o discriminazione” verso i culti in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *