Eternit senza fine, quanto amianto ancora ci avvelena?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

EternitNel giorno in cui la Cassazione rende pubbliche le motivazioni per le quali l’imprenditore svizzero Stephan Schmideiny non doveva essere sottoposto a processo per il disastro Eternit, per via della maturazione della prescrizione relativa al reato di disastro ambientale, la Procura di Torino ha chiesto per il magnate elvetico il rinvio a giudizio con l’accusa di omicidio volontario aggravato per la morte da amianto, tra il 1989 e il 2014, di 258 persone tra residenti ed ex lavoratori degli stabilimenti Eternit di Casale Monferrato (Al) e Cavagnolo (To). Quasi una sorta di reazione, quella del pm torinese Raffaele Guariniello, la cui firma in calce alla richiesta di rinvio a giudizio si associa al “Non ci arrendiamo” che anche ieri è arrivato da rappresentanti istituzionali e dalle associazioni che da decenni sono impegnate nella lotta all’amianto. La battaglia, insomma, continua. E su più fronti, non solo su quello giudiziario.
L’inquinamento ambientale generato dalla diffusione della “fibra killer”, come si sa, non si è limitato ai soli stabilimenti nei quali si lavorava materiale contenente amianto ma ha interessato edifici, tetti, navi treni… Da anni, in Italia, si ammalano di mesotelioma (tumore della pleura o del peritoneo) o di patologie asbesto-correlate comuni cittadini che nulla hanno avuto a che fare con la lavorazione dell’amianto ma che ne hanno inalato la fibra mortale. Non è un caso che delle 258 vittime di cui con una perizia è stata accertata la morte per amianto, “solo” 66 siano ex lavoratori. Migliaia nel nostro Paese sono le persone decedute per amianto, il maggior numero delle quali si è avuto a Casale Monferrato, città simbolo della lotta a livello mondiale, dove da 20 anni moltissimo è stato fatto per la bonifica, ora da completare. Ma in giro per l’Italia non sembra esserci altrettanta attenzione. Quanto amianto c’è ancora nel nostro Paese? Difficile dirlo, anche perché alcune Regioni non hanno fornito i dati. E, soprattutto, che consapevolezza hanno gli italiani della sua pericolosità?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *