Cupra Marittima, incontro interessante con Daniele Gaglianone

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

GaglioneCUPRA MARITTIMA – Dibattito interessante al cinema Margherita di Cupra Marittima. Daniele Gaglianone infatti è tornato a farci riflettere con il suo nuovo film “Qui”, proiettato nella serata di martedi 17 febbraio, all’interno della rassegna Cinema D’Essai.
Una pellicola incentrata sulla Tav, in particolare sulle proteste dei cittadini e residenti della vallata interessata dal passaggio della linea. Un documentario diverso dal solito. Come spiega il regista questo “non è una cronistoria del conflitto tra la popolazione della Vas di Susa e tra chi vuole costruire la Tav, non è un resoconto tecnico, ma sono dei veri e propri ritratti di persone che si sono battute per i loro diritti e che raccontano le loro ragioni, ragioni che non sono completamente note a tutti perché su questa vicenda si è raccontato poco, si è raccontato male, si è raccontato in maniere superficiale e distorta”. I protagonisti del documentario sono personaggi molto diversi tra di loro e che sono stati coinvolti in prima persone dal progetto del passaggio della Tav, dalle cariche dei poliziotti, dagli espropri.
Persone diverse tra di loro, c’è il sindaco che si batte per i propri concittadini, c’è il conduttore della radio locale che ha effettuato la cronaca dei momenti più tragici delle proteste, c’è la catechista che si reca in pellegrinaggio nei pressi del cantiere, c’è la volontaria che tenta invano di spiegare inutilmente alla polizia le loro ragioni, c’è la titolare di un agriturismo che si incatena alle ringhiere, c’è la famiglia la cui casa verra distrutta dal passaggio della Tav, c’è il poliziotto in congedo ferito al volto dal fumogeno sparato dalla polizia, c’è il pacifista arrestato con l’accusa di aver aggredito le forze dell’ordine. Dai loro racconti si percepisce la gravità della della situazione, che rischiava di passare nel silenzio generale. Dopo la proiezione Gaglianone, intervistato da Luciclio Santoni, ha preso parte ad un accesso e sentito dibattito con il pubblico presente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *