Papa Francesco “Il sangue dei nostri fratelli cristiani è una testimonianza che grida”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

martiriZenit di Salvatore Cernuzio

Aveva preparato un discorso scritto Papa Francesco per l’udienza con il reverendo John P. Chalmers, moderatore della Chiesa di Scozia (Riformata), ricevuto stamane in Vaticano con altri rappresentanti della Chiesa scozzese. Ma lo ha cestinato subito quando il suo ospite, nell’indirizzo di saluto, ha fatto cenno alla tragedia consumata ieri per mano dell’Isis, scatenando quindi tutto il suo dolore.

21 cristiani copti egiziani sono stati uccisi per decapitazione, ieri, in una spiaggia della Libia. “Assassinati – dice Bergoglio a braccio – per il solo fatto di essere cristiani. Dicevano solamente: ‘Gesù aiutami’”. “Lei, fratello – prosegue – nel suo discorso ha fatto riferimento a quello che succede nella terra di Gesù. Il sangue dei nostri fratelli cristiani è una testimonianza che grida. Siano cattolici, ortodossi, copti, luterani non importa: sono cristiani! E il sangue è lo stesso”.

“Il sangue testimonia Cristo”, aggiunge il Santo Padre. Ricorda quindi “questi fratelli che sono morti per il solo fatto di testimoniare Cristo, chiedo di incoraggiarci l’uno con l’altro ad andare avanti con questo ecumenismo, che sta incoraggiando l’ecumenismo del sangue. I martiri sono di tutti i cristiani”.

Nel suo discorso scritto il Papa citava la sua Evangelii gaudium:”Siamo pellegrini e peregriniamo insieme – dice -. Dobbiamo imparare ad ‘affidare il cuore al compagno di strada senza sospetti, senza diffidenze, e guardare anzitutto a quello che cerchiamo: la pace nel volto dell’unico Dio'”. Cita la sua,

Ribadendo il “comune impegno al servizio del Vangelo e della causa dell’unità dei cristiani”, il Santo Padre ricorda che “allo sviluppo della ricca tradizione storica e culturale della Scozia hanno contribuito illustri e sante figure cristiane appartenenti a diverse confessioni”.

Punta poi l’attenzione sull’attuale stato delle relazioni ecumeniche in Scozia che, afferma, “testimonia quanto ciò che, come cristiani, abbiamo in comune sia più grande di ciò che può dividerci”. “Su questa base – dice il Papa – il Signore ci chiama a ricercare modi ancora più efficaci per superare vecchi pregiudizi e per trovare nuove forme di intesa e di collaborazione”.

Francesco tuttavia constata con gioia che i rapporti tra Chiesa di Scozia e Chiesa cattolica si sono sviluppati, “al punto che le sfide poste dalla società contemporanea vengono affrontate attraverso una riflessione comune” e, “in molti casi, siamo in grado di parlare con una sola voce su questioni che toccano da vicino la vita di tutti i fedeli”.

“Nel nostro mondo globalizzato e spesso disorientato, una comune testimonianza cristiana è un requisito necessario per l’incisività dei nostri sforzi di evangelizzazione”, rimarca Bergoglio. Anche perché “la fede e la testimonianza cristiana si trovano di fronte a sfide tali, che soltanto unendo i nostri sforzi potremo rendere un efficace servizio alla famiglia umana e permettere alla luce di Cristo di raggiungere ogni angolo buio del nostro cuore e del nostro mondo”.

L’auspicio del Pontefice è dunque che “il cammino di riconciliazione e di pace tra le nostre comunità” possa “avvicinarci sempre di più gli uni agli altri, così che, mossi dallo Spirito Santo, possiamo portare a tutti la vita e portarla in abbondanza”. “Preghiamo gli uni per gli altri – esorta in conclusione il Papa – e continuiamo a camminare insieme nella via della saggezza, della benevolenza, della fortezza e della pace”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *