Cosa sono i settimanali diocesani? Quando sono nati? Dove si leggono oggi? Quale la loro funzione?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

fiscCosa sono i settimanali diocesani? Quando sono nati? Dove si leggono oggi? Quale la loro funzione? Sono alcune delle domande cui intende dare risposta il volume “Il settimanale diocesano, questo sconosciuto. Scoprire le 194 testate delle Chiese italiane Cosa sono Come si fanno Avranno futuro?” pubblicato dalla Lev a firma di don Giorgio Zucchelli, direttore de “Il nuovo Torrazzo di Crema” e già presidente nazionale della Federazione italiana settimanali cattolici (Fisc).
I settimanali diocesani in Italia editano circa 800mila copie complessive, per un numero di lettori attorno ai 2.400.000. Il volume traccia una fotografia dei settimanali esistenti e delle loro diverse tipologie, ne ripercorre la storia, la difficile situazione presente, e si volge in avanti per rispondere all‘interrogativo se ci sia un futuro per la stampa. “Non vuole essere l‘ultima fotografia di gruppo dei giornali delle Chiese italiane. Lo scrivo per ridare speranza e rilanciare la stampa diocesana – annota l‘autore nell‘introduzione -. Ma per non scomparire è necessaria una svolta”. Sei le parti del libro: storia dei settimanali cattolici dalla proclamazione dell‘unità d‘Italia ad oggi; nuovi scenari dell‘informazione; processo storico di “autocoscienza della Chiesa come soggetto di comunicazione”; identikit del settimanale diocesano; pluralismo dell‘informazione. L’ultima parte fornisce una ricca bibliografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *