Montelparo, conosciamo la storia della compagnia il Murello

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Il murello

Di Giuseppe Mariucci, presidente dell’Associazione Culturale-Compagnia Teatrale Il Murello

MONTELPARO – Dal 1993 (quando nacque quasi per gioco tra i genitori di bimbi della scuola dell’infanzia che salirono in palcoscenico insieme ai loro piccoli!) la compagnia teatrale “Il Murello”, calca i teatri e le piazze della regione Marche (e non solo: Lazio, Campania, Abruzzo, Umbria, Toscana….!) portando sulla scena centinaia di rappresentazioni vernacolari (dell’area dialettale fermano-maceratese).
Contemporaneamente, l’Associazione Culturale, non ha mai trascurato la formazione dei propri addetti istituendo anche una scuola per i bambini e ragazzi del paese.
Questo ha portato a risultati incredibili per una associazione di un minuscolo paese come il nostro (Montelparo n.d.r.).
-Nel 1997 organizza un Corso Biennale, finanziato dalla C.E.E. in collaborazione con un importante Istituto Professionale della provincia, di Qualifica Professionale per Attore (materie di insegnamento: metodo mimico -dizione e fonetica -tecniche di lettura -tecniche di improvvisazione scenica ed elementi di scrittura di scena -tecniche di conduzione radio, televisive, teatrali -animazione didattico turistica), facendo ottenere, alle sedici persone che allora lo frequentarono e solo dopo seri ed impegnativi esami finali, la qualifica di attore con fondamenti di regia utilizzata da alcuni, oltre che per migliorare sensibilmente il loro apporto qualitativo sulla scena, anche per l’insegnamento di quelle materie nelle scuole di ogni ordine e grado!
-Il corso sottopalco al quale l’associazione ha pensato bene di inviare i propri tecnici. La partecipazione al prestigioso e formativo stage per tecnici di teatro, Progetto Sottopalco, ha dato ai nostri tecnici quella formazione necessaria per gestire alla grande ogni momento scenico specializzandoli tecnici di teatro. E’ stato un laboratorio dimostrativo, oltremodo impegnativo e altamente formativo, sulle figure professionali del teatro quali disegno luci, suono, scenotecnica, scenografia, regia e messa in scena! La formazione è avvenuta in due anni durante i quali i nostri tecnici, sacrificando numerosissimi fine settimana, si sono impegnati all’interno del Teatro La Fenice di Amandola nell’apprendere quello che veniva loro trasmesso soprattutto dalle esperienze di chi in questi campi ci lavora, per professione, da anni.
Tutto questo per far conoscere la “marchigianità” in ogni suo aspetto. Grazie anche alla passione e agli studi del nostro autore, Filippo Cruciani (Oculista, oggi Direttore Responsabile della seconda clinica oculistica Umberto Primo di Roma, si convinse dalla bravura degli interpreti e pensò che valeva la pena di scrivere qualcosa per loro!), questo è il marchio inconfondibile che contraddistingue la nostra compagnia.
Recuperiamo le nostre radici ascoltando anche i grandi vecchi parlare, e, prima che tanta storia e cultura vada smarrita, cerchiamo di fermare il tempo portando sulle scene quanto è possibile. Personaggi scomparsi che tornano a vivere; abitudini e consuetudini oramai dimenticate tornano a far parlare di se.
Oggi tante delle cose da noi riproposte sembrano incredibili: erano normalità non più di cinquanta anni fa. Ma, senza dimenticare le difficoltà di un tempo, noi cerchiamo di fare teatro comunque per ricordare, per divertirci e soprattutto per divertirvi.
L’Associazione Culturale, poi, collabora con le altre Associazioni Montelparesi, con l’Amministrazione Comunale e con la Parrocchia di San Michele Arcangelo.
Questo per far si che la Storia, la Cultura e il Folclore della nostra gente vengano conosciuti ed apprezzati dai numerosi turisti che, soprattutto in questi ultimi anni, frequentano questo nostro meraviglioso e, per certi versi, unico ed inimitabile paese!

Anche per questo, nelle pagine del nostro sito www.ilmurello.it (e-mail ilmurello@libero.it), potrete trovare ogni notizia possibile di quanto accade dalle nostre parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *