Ovadia: meglio “Giorno delle Memorie”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

campoCompie oggi 15 anni la “Giornata della Memoria”, istituita in Italia il 20 luglio del 2000. Un appuntamento condiviso, nel ricordo dell’apertura dei cancelli di Auschwitz avvenuta 70 anni fa, il 27 gennaio 1945, per non dimenticare la tragedia indelebile della Shoah, per riascoltare le testimonianze dirette dei pochi sopravvissuti ancora in vita, per educare le nuove generazioni affinché mai più possa accadere qualcosa di simile. L’orrore dell’Olocausto ha segnato per sempre la storia umana e le relazioni fra i popoli, col suo immane carico di vite annientate dall’odio razziale e dal folle disprezzo umano dell’ideologia nazista.
Il prezzo più alto è stato sicuramente pagato dai fratelli ebrei, oltre sei milioni di vittime innocenti. Ma non sono stati i soli. Altri gruppi e categorie di persone, numericamente molto più ridotti, sono stati massacrati dalla furia nazista. “I Rom in primo luogo, gli antifascisti, gli omosessuali, i menomati, i Testimoni di Geova, gli slavi, gli emarginati, i militari che rifiutarono di piegarsi ai nazifascisti” ed altri, come ha giustamente ricordato qualche giorno fa lo scrittore Moni Ovadia in un suo editoriale (gariwo.net). Chi nega questo consapevolmente, implicitamente o esplicitamente, mostra di aver interesse ad “israelianizzare tout court l’eredità dello sterminio. Questa manipolazione è non solo ingiusta, ma anche pericolosa, perché sottrae universalità alla memoria e tende a ridurla a una questione nazionale. È necessario contrastare questa deriva anche per ribadire il significato universale dello stesso calvario dei sei milioni di Ebrei”.
Non sembra peregrina, quindi, la conseguente proposta Ovadia di trasformare la Giornata della Memoria nel “Giorno delle Memorie”. “La nuova denominazione – scrive lo scrittore – dovrebbe riorientare le manifestazioni, gli studi, l’edificazione della casa della Memoria come laboratorio della cultura di pace, di giustizia, di uguaglianza nel ricordo di tutti i genocidi e degli stermini di massa”. Il dolore per le vittime innocenti, se sincero, è sempre inclusivo, non stila classifiche di diritto al ricordo, non guarda alle quantità. Perciò è nostro dovere continuare a fare memoria di tutti coloro che l’odio cieco ha spazzato via, senza distinzioni, perché non accada mai più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *