Marche Centro d’Arte presenta a San Benedetto del Tronto il progetto “Quando i Piceni divennero Romani”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

LocandinaSAN BENEDETTO DEL TRONTO – Marche Centro d’Arte prosegue con le attività in preparazione alla V edizione dell’Expo di arte contemporanea, alle iniziative che sono già in opera con il mondo dell’arte e il mondo della scuola si affianca anche quest’anno il piano del territorio con un progetto ambizioso e stimolante.

Il progetto territoriale intende sviluppare il racconto di un periodo storico estremamente significativo per il nostro territorio: “Quando i Piceni divennero Romani” – La storia del nostro territorio.

Il progetto sarà presentato venerdì 23 gennaio 2015 presso l’Hotel Calabresi di San Benedetto del Tronto con il seguente programma:
ore 18.30 Saluto e inizio lavori – Relatore Vermiglio Ricci
ore 18.45 Presentazione del progetto – Relatore Lino Rosetti (Coordinatore del Progetto)
ore 19.30 Saluto autorità presenti
ore 20.00 Dibattito
ore 20.30 Cena
per info e prenotazioni: 348 3369040

L’attività si sostanzierà nei prossimi mesi attraverso alcuni incontri che metteranno in relazione alcuni appassionati di ricerca storica e archeologica delle cittadine di Carassai, Cossignano, Cupra Marittima, Grottammare, Martinsicuro, Monsampolo, Monteprandone, Monterubbiano, Offida, Ripatransone, San Benedetto del Tronto. Questi appassionati possono essere talvolta riconducibili al circuito degli Archeoclub.

Gli incontri possono essere l’occasione per superare i particolarismi ed evidenziare le cose che ci accomunano, mettendo in rete non solo i paesi ma anche le conoscenze e le diverse branche della cultura. Infatti l’obiettivo, oltre a raccontare un periodo molto importante della nostra storia, sarà quello di individuare nuovi appassionati della materia, coinvolgendoli nell’attività di ricerca storica del territorio. Il progetto strutturerà un nuovo modo di divulgazione della nostra storia, attività da cui è sperabile attendersi una crescente attenzione per il nostro territorio da parte di chi ci vive e non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *