“Sudentre” chiude in bellezza il periodo natalizio

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Erano tanti i bambini con il naso all’insù ad aspettare le befane calarsi dalla Torre dei Gualtieri. Appuntamento classico ormai quello di “Arecala la befana da lu campanò” che da vent’anni viene organizzato dall’Associazione la Rocca. Prima si è calato giù, con acrobazie varie, un simpatico folletto, poi sono arrivate le befane a distribuire dolci e giochi a tutti i bambini.

“Con la befana si conclude il periodo natalizio che ha visto tante iniziative svolgersi al Paese Alto” ha detto dal palco il neo eletto presidente del Comitato di quartiere Paese Alto Alessandro Ribeca, alla presenza dell’assessore Margherita Sorge e del presidente dell’Associazione la Rocca Silvia Vitali.

Ha dato inizio agli eventi natalizi la tradizionale fochera al Parco Saffi organizzata dall’associazione la Rocca, poi si è inaugurato il presepe artistico all’interno della Torre. Altro evento che sfiora i venti anni è stato Natale al Borgo che anche quest’anno ha riscontrato il solito afflusso di visitatori amanti della tradizione e del dialetto sambenedettese, organizzato dall’Associazione culturale Amici del Paese Alto e dalla Ribalta Picena. Altro evento che sicuramente diventerà una tradizione per il successo e gli apprezzamenti ricevuti è stato il concerto per il Nuovo Anno “Magnificat” di A. Vivaldi, con la Corale Polifonica Cento Torri e Vivaldi Ensemble, con la collaborazione dell’Associazione culturale Amici del Paese Alto, eseguito all’interno dell’Abazia S. Benedetto Martire in presenza del Vescovo Carlo, del parroco don Romualdo e di tante autorità del comune di S. Benedetto e della Provincia.

Eventi come questi qui che si rifanno alla tradizione popolare, alla nostra storia e alle nostre radici, non possono che essere lodati e sostenuti.
L’auspicio è che tali tradizioni non solo si mantengano, ma che trovino la possibilità di crescere all’interno delle nostre comunità per poterle trasmettere alle nuove generazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *