L’edizione 2014 del PalaNatale chiude i battenti 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
Palanatale
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo dieci giorni, sabato 3 gennaio, è calato il sipario sul PalaNatale, contenitore di eventi culturali che in queste festività ha garantito tante occasioni di spensieratezza ai cittadini sambenedettesi, del comprensorio e ai turisti.

Anche in questa edizione si sono avvicendati nella tensostruttura di piazza Mar del Plata spettacoli eterogenei e rivolti ai giovani, ai bambini e agli adulti per una vasta scelta artistico musicale che ha compreso 20 concerti con quasi 200 musicisti, 10 dj set, spettacoli di cabaret, teatro, animazione per bimbi e writing.

Solo per fornire alcuni dati: lo “ZapFest”, concerto dedicato alla musica anni ’90, ha visto 100 artisti alternarsi sul palco suonando davanti a oltre 1500 persone, in 1000 hanno salutato l’arrivo del 2015 sotto il tendone di piazza Mar del Plata e sono stati 250 spettatori che, nonostante il freddo e il vento forte della serata del 30 dicembre, hanno applaudito il comico fermano Giorgio Montanini.

Le iniziative del PalaNatale, organizzate dalla cooperativa “O.per.O.” con il contributo del Comune di San Benedetto del Tronto pari a 25 mila euro, si sono dunque confermate grandi occasioni di aggregazione con quasi 6.000 spettatori che, nel complesso, vi hanno preso parte dei quali 1500 a pagamento. Ricordiamo che tutti gli eventi erano ad ingresso gratuito, ad eccezione di due concerti e lo spettacolo di cabaret.

“Anche quest’anno abbiamo cercato di offrire a tanti l’occasione di festeggiare l’arrivo del nuovo anno stando insieme agli altri in una struttura riscaldata – dichiara il sindaco Giovanni Gaspari – credo che l’ampia partecipazione agli eventi del PalaNatale, unica manifestazione di intrattenimento culturale artistico e ludico tra Marche e Abruzzo ad ottenere tali risultati di pubblico, abbia ripagato gli sforzi organizzativi e l’impegno dell’Ente per reperire, non senza fatica, le necessarie risorse. A fronte di costi ridotti, ma facendo attenzione a che l’offerta fosse sempre di alta qualità e rivolta a soddisfare esigenze di diverse categorie di spettatori, siamo riusciti a far trascorrere le festività natalizie con un po’ di spensieratezza a tutti coloro che vi hanno preso parte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *