Mettiamo la ripresa nelle mani di donne

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
8 MARZO: ITALIA FESTEGGIA LE DONNE, DOMANI CERIMONIA AL QUIRINALENel marasma della corruzione e della crisi, c’è un Italia bella che nel silenzio porta avanti e fa grande il nostro Paese. Il Presidente della Repubblica nel suo discorso di fine anno rende omaggio ad italiani “esemplari”. “Non lasciamo occupare lo spazio dell’attenzione pubblica solo a italiani indegni”, ha detto. Ma è singolare il fatto che su quattro nomi citati da Napolitano, tre si declinano al femminile. Sono figure di donne che gli italiani hanno potuto seguire e conoscere tra le cronache di un anno difficile e complesso. Sono donne di scienza e di cultura, donne che hanno dedicato la loro intera esistenza alla ricerca come Fabiola Gianotti, direttore generale del Cern di Ginevra, e l’astronauta Samantha Cristoforetti. Sono donne impegnate in missioni umanitarie che portano il nostro Paese alle frontiere del Mediterraneo, come Serena Petricciuolo, ufficiale medico della Marina che sulla nave Etna ha aiutato una profuga nigeriana a dare alla luce la sua bambina. Un solo uomo citato dal presidente: il medico infettato da Ebola e oggi finalmente in convalescenza.
Tre nomi di donne, dunque, che si stagliano come portabandiera dei valori morali, di cultura e solidarietà, gli stessi che hanno fatto risorgere l’Italia negli anni difficili del dopoguerra. Oggi ci troviamo di fronte ad un Paese stremato dalla crisi, ferito dalla corruzione, schiacciato dai giochi di potere. L’inchiesta su “Mafia Capitale” ha schiaffeggiato duramente gli italiani, facendo emergere dai sotterranei dei palazzi capitolini un esercito di mascalzoni e corrotti.
Non sarà arrivato il tempo che le donne escano dalla loro operosità silenziosa per diventare protagoniste della ripresa? Napolitano, uomo d’altri tempi, sembra delineare anche questa via di uscita dalla crisi, quando indica al Paese figure di donne come esempi di italiani “degni” del nostro destino comune. Non si tratta di contrapporre i maschi indegni alle femmine integerrime. Questo tipo di ragionamento conduce ad una strada sterile. Fa parte di un passato di rivendicazioni che non ci appartiene più. Si tratta piuttosto di riportare l’asse della vita sociale al suo naturale equilibrio. Perché se l’Italia riuscisse finalmente a spostare lo sguardo sulle donne, scoprirebbe un mondo nuovo che si lascia guidare dalla passione, che ama fare bene quello che fa e farlo fino in fondo.
È finito il tempo della rivendicazione femminile perché è iniziato il tempo della responsabilità delle donne. La prima è avere il coraggio di uscire allo scoperto e mettersi in gioco con la stessa sicurezza e forza dei loro compagni di viaggio. La seconda responsabilità è quella di vincere la tentazione di cadere nella competizione, di lasciarsi vincere dalla rivalità che divide, generando invidie e gelosie, e non costruisce. La terza responsabilità è di resistere al degrado del potere che non appartiene alle donne per natura e di mettere piuttosto in campo i valori della collaborazione, della mano tesa all’altro ma anche della professionalità e della rettitudine. Solo così un giorno, speriamo molto presto, potremmo dire e dirlo tutti insieme: che bella l’Italia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *