“Lasciamo che la Pace parli con la voce della famiglia”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Iraq

Zenit

Nel giorno di preghiera mondiale per la pace, il Pontificio Consiglio per la Famiglia vuole dare voce all’appello di pace di Mubarak e Aneesa HANO, la famiglia irachena che, al cospetto di Papa Francesco, ha raccontato la propria testimonianza di profughi cristiani.

“Le famiglie– ha affermato monsignor Vincenzo Paglia– sono fondamentali laboratori di pace. È all’interno della casa che si impara la convivenza tra le differenze di genere e di generazione, anche nelle fatiche della vita quotidiana. In famiglia si apprende la grammatica della pace, fatta di fraternità, condivisione, perdono”.

A parlare sono Mubarak e Anisa Hano, i due anziani coniugi iracheni, sposati da 51 anni con 10 figli e 12 nipoti, ospitati in Piazza San Pietro lo scorso settembre in occasione dell’incontro degli anziani promosso dal Pontificio Consiglio per la Famiglia, e scappati insieme ad altre famiglie profughe dalle loro case della città di Qaraqosh, divenendo i portavoce delle indicibili sofferenze delle famiglie cristiane.

Hanno visto le città diventare vuote, le case distrutte, le famiglie disperse, gli anziani abbandonati, i giovani disperati, i nipoti piangere, le vite annientate dal terrore del grido di guerra. “Gesù ci ha insegnato a essere portatori di pace e per questo invitiamo tutto il mondo a lavorare per la pace”: è il loro appello schietto, espresso dal cuore, con la forza di chi ha perso tutto per la guerra e per la follia che tocca ogni giorno milioni di famiglie in tutto il mondo.

Ad accompagnare le loro parole è il suono delle campane della Chiesa di Alqosh, 40 km a nord di Mosul, nella piana di Niniveh: è lo stesso suono che da 2000 anni, insieme a quello delle campane di tutte le altre chiese cristiane, chiama alla preghiera, ma che insieme a quello di tutte le altre campane, dallo scorso 6 agosto è stato zittito per poi risuonare il 15 di agosto, grazie all’azione dei parrocchiani che sfidando la paura e il terrore, hanno riportato, al posto della bandiera nera, la Croce.

Il video appello, tratto dal video le Campane di Alqosh realizzato per il Pontificio Consiglio per la Famiglia, da Federico Fazzuolie Elisa Greco,è stato messo a disposizione dei media cattolici di tutto il mondo e sarà trasmesso il 1 gennaio dai principali network televisivi dall’America del Nord, al Centro e Sud America, dalla Spagna in Europa al Congo in Africa, fino ad alcuni reti mediorientali.

L’appello in quattro lingue (arabo, italiano, inglese e spagnolo) aprirà il sito del dicastero (www.familia.va) il 1 gennaio ed è disponibile su youtube per la massima diffusione possibile.

***

Link alla versione arabo/italiana: http://youtu.be/O6qhov0LHJ0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *