FOTO Presepe artistico alla Torre dei Gualtieri realizzato da Vincenzo Rossi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Floriana Palestini

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Mi trovo in piazza Sacconi per visitare il Natale al Borgo quando mi accorgo che una piccola folla si sta radunando all’ingresso del Torrione: all’interno infatti è stato allestito un presepe e l’allestitore, l’artista Vincenzo Rossi, si trova nei paraggi. Colgo l’occasione per complimentarmi per il lavoro svolto e per capire alcuni particolari.
Rossi, da subito molto disponibile, ha potuto realizzare il presepe con la collaborazione dell’associazione “La Rocca” e l’associazione “Amici del Paese Alto” e spiega così il suo lavoro: «Dietro la natività ho inserito un tronco di vite, sopra al quale c’è un germoglio, portatore di vari significati: dal germoglio nasce la vite, che poi porterà frutto, fino all’ultima cena e tutto ciò che ne consegue. Un’altra ispirazione biblica, precisamente dal prologo del vangelo di Giovanni, “E pianterà una tenda in mezzo a voi”, la troviamo nella struttura sopra le nostre teste, che richiama proprio il velo di una tenda. I personaggi che vedi nelle nicchie sono i re magi e sono realizzati in cartapesta leccese; le altre figure no, ma pensiamo di portare i personaggi tutti nella stessa natura, in cartapesta, negli anni successivi. Sono ormai 5 anni che faccio il presepe qui alla Torre e l’impostazione di questo presepe così come quello degli altri anni è un’impostazione classica: troviamo quindi i personaggi soliti ma in un momento particolare, un momento riflessivo. La scenografia della Torre è già bella di per sé, con i mattoni e gli archetti che incorniciano il tutto e creano una bellissima atmosfera. L’insieme secondo me risulta abbastanza classico, per i personaggi, per il muschio: ma se uno guarda bene c’è la strada segnata dal muschio che non è chiusa, rimane aperta verso lo spettatore, perché i personaggi del presepe compiono un cammino alla ricerca del mistero dell’incarnazione e della salvezza. La statuine sono molto curate: guarda questo giovane, realizzato in cartapesta ma col dettaglio della brocchetta di ceramica, o il venditore di frutta col suo cesto; è tutto molto pieno di dettagli, è una ricerca curata. I re magi poi sono assolutamente preziosi: i loro vestiti brillano e riflettono la luce».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *