Conferimento rifiuti, indirizzo unanime dell’Assemblea dell’ATA

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

d'erasmoPROVINCIA – Si è svolta stamane, nell’aula consiliare di palazzo San Filippo, una nuova seduta dell’Assemblea Territoriale d’Ambito (ATA) convocata dal Presidente della Provincia Paolo D’Erasmo per esaminare le proposte avanzate dalle società Ascoli Servizi Comunali e Picenambiente in merito al superamento dell’emergenza rifiuti nel 2015.

A partire da metà gennaio, infatti, devono essere approntate le soluzioni tecniche sostenibili ed economicamente più vantaggiose per fronteggiare adeguatamente la situazione relativa all’abbancamento dei rifiuti, una volta esauriti i volumi di conferimento nella IV vasca della discarica di Relluce, temporaneamente autorizzati in base al decreto del Presidente della Provincia n. 20 del 2 settembre scorso.

L’Assemblea dell’Ata, dopo un ampio e costruivo confronto, ha approvato all’unanimità due indirizzi prioritari. In primo luogo di perseguire la soluzione di continuare ad abbancare i rifiuti reperendo ulteriori volumetrie all’interno della discarica di Relluce, predisponendo allo scopo un’ordinanza in deroga della Provincia con tutte le garanzie sotto il profilo ambientale e normativo.

In subordine, qualora si allunghino i tempi per l’acquisizione delle autorizzazioni e il necessario approntamento tecnico-operativo, di verificare la possibilità di abbancare i rifiuti presso la discarica “Geta” ubicata in località Alto Bretta di Ascoli Piceno. L’Assemblea ha dato inoltre come indicazione prioritaria di contenere il più possibile e, comunque possibilmente sotto i 100 euro a tonnellata, il costo di conferimento dei rifiuti.

L’organismo di indirizzo, costituito da tutti i sindaci della provincia, tornerà a riunirsi entro la prima decade di gennaio per adottare le decisioni operative definitive volte a superare tutte le complesse problematiche amministrative, ambientali, finanziarie e logistiche e gestire nel migliore dei modi il conferimento dei rifiuti nel 2015, in attesa degli indirizzi programmatici del Piano d’Ambito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *