Sierra Leone “Necessario inviare più aiuti” per combattere l’Ebola

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ebolaZenit

Il presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, card. Peter Kodwo Appiah Turkson, nei giorni scorsi ha visitato la Sierra Leone e la Liberia, i Paesi più colpiti dall’epidemia di Ebola. Con lui è stato Mons. Robert Vitillo, delegato della Caritas internazionale dalle Nazioni Unite a Ginevra, che è appena rientrato in Italia.

Intervistato dalla Radio Vaticana, mons. Vitillo ha dichiarato: “La situazione in Sierra Leone è molto grave. C’è molta paura e panico tra la popolazione. Le scuole sono chiuse sia in Sierra Leone sia in Liberia”.

Il presule ha spiegato che ci sono tra i 2.500 e i 5.000 orfani in Sierra Leone ma le famiglie spesso sono riluttanti verso l’adozione perché temono la trasmissione di malattie. “Molti bambini sono per le strade, e in questo momento non ci sono programmi della Chiesa per accogliere e incoraggiare le famiglie ad adottarli”, ha detto.

Il delegato della Caritas ha aggiunto che ci sono conseguenze che vanno oltre l’Ebola: “Molte persone non lavorano, perché le scuole e gli uffici pubblici sono chiusi”. In tanti non hanno uno stipendio, e ciò costituisce un problema poiché non si riesce a sfamare la propria famiglia. Di qui “si verifica un aumento della violenza”.

“Questo durerà anche dopo l’Ebola, perché l’impatto su queste popolazioni con una economia debole è già molto profondo”, ha detto.

Pertanto “è molto importante per continuare ad aumentare la risposta, non solo con l’invio di medici e infermieri, ma anche i soldi per stabilizzare la situazione economica e rafforzare la salute e le infrastrutture socio-politiche”.

Egli ha anche ricordato che “in alcune regioni di questi Paesi la Chiesa ha le strutture sanitarie uniche che funzionano”. E mentre la Chiesa, la Caritas e le congregazioni religiose stanno facendo molto, “è necessario inviare più aiuti”.

Ha concluso ricordando che il Natale è il momento giusto per essere solidali con così tante persone che si trovano ora nel bisogno e la sofferenza. E mentre in Sierra Leone, dove il sacerdote lavorava, alcune persone hanno perso tanti membri della famiglia, “le chiese sono piene, perché è una popolazione che ha fede”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *