Cupra Marittima, la Grande Guerra Vista e Vissuta da Anselmo Bucci

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

CupraCUPRA MARITTIMA – Inaugurata sabato 20 dicembre la mostra intitolata “L’arte racconta, la Grande Guerra vista e vissuta da Anselmo Bucci”.

L’evento, a cura dell’Archeoclub di Cupra Marittima, in collaborazione con il Comune, si svolge all’interno degli ex spogliatoi della Stazione.
Ha spiegato il presidente dell’Archeoclub di Cupra Vermiglio Ricc : “La mostra inizia prima ricordando i nomi dei nostri cari caduti e dispersi nella Prima Guerra Mondiale, un totale di 37 persone che il nostro paese ha sacrificato per la Patria. Poi si prosegue con le cartoline che arrivavano dal fronte, cartoline offerte dal dottor Raoul Taffetani.
Un contrasto tra paesaggi idilliaci e sofferenze atroci dei nostri soldati. Si continua con i disegni di Anselmo Bucci, recuperati dalla raccolta Schizzi dal Fronte Italiano”.  Come ha poi spiegato meglio lo stesso Ricci, la Grande Guerra è rivisitata in questa mostra, che per il 2014 ne segnerà solo l’introduzione: “Anche se il periodo natalizio forse non è dei più propizi per inaugurare una mostra del genere per noi era invece molto importante aprirla entro il 2014. In questo ultimo mese dell’anno infatti rientriamo nelle celebrazioni commemorative sulla Prima Guerra Mondiale. In questo caso insieme ad Anselmo Bucci,  fratello di Giovanni e zio di Mario e di Serena, cuprensi acquisiti dopo un secolo di presenza costante durante il periodo estivo, sarà possibile avere una visuale diversa della Guerra, attraverso appunto la sua arte incisoria che ci porterà dentro alla dura realtà vista e vissuta da soldato in bicicletta”.
Ha aggiunto ancora Ricci: “Nei prossimi anni svilupperemo quanto riportato nelle foto, nell’arte e negli scritti da cuprensi che sono tornati o che si sono immolati per offrirci grandi testimonianze di affetto e di meditazione. Nei prossimi anni infatti esporremmo quanto prodotto nel 1915, nel 1916, nel 1917 e nel 1918, facendo conoscere così, ad un secolo di distanza, tanti momenti di sofferenza e disperazione provate dai nostri soldati e concittadini”. Per il materiale oggetto della mostra l’Archeoclub ringrazia la famiglia Bucci, la famiglia Taffetani e la famiglia Pasquali, e invita calorosamente tutti i cuprensi in possesso di documenti, lettere, scritti relativi al periodo della Prima Guerra Mondiale, di contribuire ad arricchire l’esposizione, contattando telefonicamente lo 0735778622 o il 3664349591, o scrive o a archeo@siscom.it. Naturalmente il materiale sarà fotografato, fotocopiato, scansione ti è restituito al proprietario. La mostra è aperta fino al 30 gennaio 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *