Papa Francesco: il riscaldamento globale è “una grave responsabilità etica e morale”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Papa Francesco videomessaggio

“La lotta efficace contro il riscaldamento globale sarà possibile unicamente attraverso una risposta collettiva responsabile, che superi gli interessi e i comportamenti particolari e si sviluppi libera da pressioni politiche ed economiche”.
A ribadirlo è il Papa, nel messaggio inviato a Manuel Pulga Vidal, ministro dell’Ambiente della Repubblica del Perù e presidente della 20ª Conferenza degli Stati Parte alla Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici, in corso fino ad oggi a Lima per “verificare l’avanzamento dell’applicazione di questo strumento giuridico, dal contenuto cruciale nel presente momento storico”. “Quello che voi discuterete incide su tutta l’umanità, in particolare i più poveri e le generazioni future”, scrive Francesco, secondo il quale “si tratta di una grave responsabilità etica e morale”. Per questo il Papa sollecita “una risposta collettiva che sia anche capace di superare la sfiducia e di promuovere la cultura della solidarietà, dell’incontro e del dialogo; capace di mostrare la responsabilità di proteggere il pianeta e la famiglia umana”. Di qui l’auspicio che nella Conferenza di Lima, “così come negli incontri successivi, che saranno decisivi per i negoziati sul clima, si ponga in atto un dialogo impregnato di tale cultura e dei valori che la alimentano: giustizia, rispetto ed equità”.

“Non è senza significato – fa notare il Papa – che la Conferenza avvenga nelle coste adiacenti alla corrente marittima di Humboldt, che unisce in un abbraccio simbolico i popoli dell’America, dell’Oceania e dell’Asia e che svolge un ruolo determinante nel clima di tutto il pianeta”. “Le conseguenze dei cambiamenti ambientali, che già si sentono in modo drammatico in molti Stati, soprattutto quelli insulari del Pacifico, ci ricordano la gravità dell’incuria e dell’inazione”, scrive il Papa. “Il tempo per trovare soluzioni globali si sta esaurendo”, il suo ammonimento. “Possiamo trovare soluzioni adeguate soltanto se agiremo insieme e concordi”, afferma il Papa, secondo il quale “esiste un chiaro, definitivo e improrogabile imperativo etico di agire”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *