FOTOGALLERY La luce della nostra diocesi continua a brillare, festeggiata la Madonna di San Giovanni

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

DIOCESI – Come da tradizione il giorno della Madonna di Loreto 10 dicembre, il vescovo Carlo Bresciani ha celebrato una S. Messa a Ripatransone, nel duomo, dove si trova anche il santuario della Madonna di san Giovanni.

Hanno partecipato alla celebrazione in particolare i sacerdoti e i laici provenienti dalla vicaria di Santa Maria in Montesanto (che comprende le parrocchie situate nei comuni abruzzesi di Sant’Egidio alla Vibrata e Civitella del Tronto), che hanno portato le anfore con l’olio per la lampada che sarà accesa tutto l’anno nel santuario alla Madonna.

La rappresentazione della Vergine con la Santa Casa fu realizzata nel XVII secolo da Sebastiano Sebastiani per venerare e ricordare il passaggio della Santa Casa verso Loreto, così come indica la tradizione. Raccogliendo questa devozione popolare la confraternita di S. Giovanni commissionò questa opera che viene perciò detta la Madonna di S. Giovanni.
Fu poi il vescovo Mons. Chiaretti a indicarla come patrona della giovane diocesi di S. Benedetto- Ripatransone-Montalto.
Così tradizionalmente ogni anno ogni vicaria porta in dono l’olio.
Ad animare la celebrazione era presente anche al Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali.
Presente anche l’autorità civile con Roberto Pasquali, assessore alle tradizioni ed il Vice Sindaco di Ripatransone.

Riportiamo alcuni passaggi dell’omelia del nostro Vescovo Carlo Bresciani: “Maria si è trovata di fronte a qualcosa di inaspettato, l’annunciazione;
Lei domanda “ma come avverrà questo?”, non ha dubitato del Signore, non ha dubitato dell’amore di Dio, si chiede soltanto, non essendo ancora sposata, cosa avrebbe dovuto fare perché la volontà di Dio si avverasse.
Maria nella sua fiducia in Dio, si messa a Sua disposizione. Non è rimasta chiusa nei suoi progetti, lei era già promessa sposa di Giuseppe, ma si è aperta a nuove prospettive.
Maria: “dove mi porterà questo che l’angelo mi sta dicendo?”, Lei non ha paura di Dio, ma dice “sì Dio, abbandono i miei progetti di sicurezza per il Figlio della Parola di Dio”.
Maria accetta la volontà di Dio.

La Vergine Maria, che è patrona della nostra diocesi, ha detto “sì, ecco, sono la serva del Signore, dove tu mi vorrai portare io andrò”, questa è la sua grandezza, e ci invita a fare lo stesso.

Se Maria è il nostro modello, essendo la patrona della nostra diocesi, vuol dire che anche noi dobbiamo capire, come Lei, cosa significa questo aprirsi alla volontà di Dio.

Invochiamo Maria perché ci aiuti a capire la strada che ha percorso e perché noi, insieme con Lei, possiamo percorrere questa strada, perché Gesù possa ancora oggi continuare ad entrare nel mondo per essere il “Dio con noi”.”

Al termine della celebrazione la Consulta delle Aggregazioni Laicali della diocesi, ha salutato il Vescovo Carlo Bresciani e gli ha donato un carinissimo presepe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *