Siria, un Natale “solitario e di desolazione”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Un Natale “solitario e di desolazione” è quello che i cristiani siriani si apprestano a vivere. È quanto scrive monsignor Sami Nassar, arcivescovo maronita di Damasco, nel suo messaggio natalizio, intitolato “I nostri vicini non ci vogliono, non c’è più spazio per noi”. “I cristiani d’Oriente – si legge nel messaggio -, una minoranza che vive in un pericoloso crocevia, stanno lottando per prendere la strada della testimonianza. L’ascesa del fanatismo – chiaro il riferimento allo Stato Islamico – l’insicurezza, la carenza e limitazioni di ogni genere minacciano la loro presenza e riducono la loro speranza”. Nonostante questo clima di tensione, “il piccolo gregge di fedeli esprime una fede incrollabile, coraggiosa e ferma. Un nuovo rapporto con Dio si afferma nella preghiera silenziosa davanti al Santissimo Sacramento. Hanno il rosario in mano e sono radicati nella loro Chiesa, essi rimangono in solidarietà con i poveri e con una lunga litania dei martiri, seme di cristiani”.

“Questi eroi della fede – sottolinea mons. Nassar – sono la forza della Chiesa e l’orizzonte della speranza”. La condizione già critica in cui versano i cristiani è aggravata dalla chiusura delle vie di fuga verso Giordania, Iraq e Turchia e ora anche verso il Libano. “Così i nostri fedeli di Damasco si sentono isolati, condannati a vivere in pericolo, e a morire nel loro buco tagliati fuori dai loro parenti e amici che già vivono in Libano. Questa solitudine aggiunge all’angoscia l’amara esperienza del freddo inverno, la triste sensazione dell’abbandono. I nostri fedeli – conclude il messaggio – trascorrono la loro festa di Natale nel freddo gelido del loro ‘presepe domestico’ affidandosi al calore della loro fede sotto lo sguardo tenero della Sacra Famiglia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *