EXPO 2015 La società civile sta affinando i progetti culturali

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

expoDi Benedetto Riga

Expo 2015 dedica alla società civile un Padiglione di 8mila mq. Hanno finora aderito oltre 60 organizzazioni internazionali, impegnate nel programma culturale, che ha come titolo “Energies to change the world”. Nella “staffetta social” è in questi giorni protagonista Save the Children.

Un cantiere permanente di idee. Cascina Triulza – uno dei più grandi padiglioni di Expo 2015 (circa 8.000 mq) e unico manufatto già esistente all’interno del sito espositivo, presentato nei giorni scorsi a Roma – sarà il luogo dove le realtà della società civile potranno confrontarsi con le istituzioni pubbliche, le aziende e gli enti filantropici per sperimentare nuovi modelli di lavoro e di responsabilità sociale e riuscire a dare una risposta alle problematiche sociali. Ospiterà le grandi reti internazionali della società civile e, attraverso la partnership con Fondazione Cariplo, i delegati dell’Aga Meeting 2015 – l’Assemblea Annuale dell’European Foundation Centre (Efc).

Energies to change the world.
Il progetto del Padiglione – che ha come titolo “Energies to change the world” – è condiviso da un network di 60 organizzazioni della Società Civile di tutto il mondo, che si sono impegnate a collaborare insieme anche dopo il 2015. Uno degli aspetti più innovativi del progetto è il coinvolgimento diretto delle organizzazioni nella costruzione del Programma Culturale, insieme al contributo che possono dare le istituzioni pubbliche, le aziende e la filantropia, attraverso la partecipazione a specifiche Call o Concorsi di idee.

Le linee del programma. Sono già 250 gli incontri previsti nell’arco dei sei mesi di Expo e riguarderanno queste basi tematiche: produzione e stili di vita per uno sviluppo di qualità; la responsabilità sociale dell’arte; giovani creativi e proattivi; cittadini custodi dei beni comuni; vivere e convivere nelle comunità locali e globali; profit, non profit, istituzioni; nuove alleanze per il futuro. Dopo la 2a Call internazionale di Idee per lo Sviluppo del Programma, per individuare giovani designer, artisti, sponsor e partner tecnici, è stata lanciata la terza ‘Call Internazionale di Idee’ per permettere a tutte le realtà che lo desiderano di arricchire il palinsesto di eventi per il 2015, proponendo progetti. Il bando si trova sul sito di Cascina Triulza e non ha scadenza, le proposte saranno raccolte fino alla fine di Expo o comunque fino all’esaurimento degli spazi disponibili.

La staffetta social. Intanto, si sta svolgendo la “staffetta social”, che vede protagoniste le organizzazioni della Società Civile che aderiscono a Expo Milano 2015. Fino al 30 novembre è protagonista Save the Children, l’organizzazione che si occupa della difesa dei diritti dei bambini nel mondo e che conta uno staff di circa 14mila persone. L’organizzazione presenta la campagna internazionale “Every One”, per dire basta alla mortalità infantile e contribuire concretamente al raggiungimento del Quarto Obiettivo di Sviluppo del Millennio: ridurre la mortalità infantile di due terzi entro il 2015. Il villaggio sorgerà su un’area di 800 metri quadri e sarà realizzato in legno e materiali riciclati, con spazi esterni coltivati e a giardino, con un richiamo alle strutture visibili nei Paesi in cui l’Organizzazione opera. Al suo interno installazioni e percorsi interattivi e sensoriali. Verranno dedicati una serie di post al progetto e verranno raccontati anche alcuni dei programmi sviluppati nel mondo, come quelli in Tanzania o in Sud Sudan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *