Israele, Padre Pizzaballa “preoccupati per il rispetto dei diritti delle minoranze”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

PizzaballaL’approvazione a maggioranza (15 voti a favore e 7 contrari) da parte del governo israeliano del progetto di legge che definisce Israele “Stato della Nazione ebraica” viene “seguita da vicino dalle Chiese locali preoccupate per il rispetto dei diritti delle minoranze”. A dichiararlo al Sir è il Custode di Terra Santa, padre Pierbattista Pizzaballa. “Che Israele sia Stato ebraico – spiega il Custode – non è una novità. Se la legge venisse approvata, da un punto vista tecnico cambierebbe poco. La conseguenza più diretta sarebbe, invece, un allontanamento sempre maggiore delle comunità ebraica, musulmana e cristiana, le une dalle altre e approfondirebbe il senso di sfiducia nei confronti dello Stato e della componente ebraica”.

Qualora venisse approvata, aggiunge padre Pizzaballa, “questa legge farebbe sentire i cittadini arabi di Israele sempre più ospiti a casa loro. Come dire che hanno diritti ma non sono uguali agli altri”. Secondo il religioso francescano “si tratta, comunque, di una legge molto discussa anche all’interno del mondo ebraico e ci sono forti pressioni per cambiarla. Questa proposta fa parte delle dinamiche cui stiamo assistendo in questo periodo segnato da grandi lacerazioni e divisioni interne ad Israele”. “Come Chiese locali – è la conclusione – seguiamo da vicino l’evoluzione della vicenda. Non vogliamo intervenire troppo per non suscitare polemiche di cui non si sente il bisogno, ma siamo preoccupati per i diritti delle minoranze”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *