“Mio Papà” visto dall’Ancoraonline.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Mio Papà

Di Fatima Orefice

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Lunedì 24 novembre in occasione della proiezione in anteprima del film “Mio Papà” abbiamo calorosamente accolto il regista Giulio Base e gli attori Giorgio Pasotti e Niccolò Calvagna  presso il multiplex pala riviera di San Benedetto del Tronto.

Questo film prodotto da Movie And e Rai cinema, distribuito dalla Beta Production Company  verrà distribuito in 80 sale italiane a partire da domani, giovedì 27 Novembre 2014.
Il regista Giulio Base e l’attore e co-sceneggiatore Giorgio Pasotti ci parlano di questa pellicola, in parte biografica per entrambi, come un’idea nata da una semplice chiacchierata in treno che però tratta di una situazione comune a molti altri e cioè quella di ritrovarsi ad amare i figli della tua compagna (nel film Claudia- interpretata da Donatella Finocchiaro)  come se fossero i tuoi figli naturali.
Nel film Lorenzo (interpretato da Giorgio Pasotti) lavora come subacqueo e cerca di tenersi alla larga dai legami sentimentali fino a quando si innamora di Claudia e si trova a fare i conti con suo figlio di sei anni Matteo con il quale poi si svilupperà un sentimento paterno inaspettato.
Il film “Mio Papà” basato su un dramma familiare risulta essere ben narrato, piuttosto realista e piacevole da guardare anche grazie alle capacità artistiche dei vari attori.
A rendere speciale questa pellicola oltre alla bravura del piccolo Niccolò e al cameo di Ninetto Davoli e Fabio Troiano, sono i paesaggi di San benedetto del Tronto e Grottammare a noi cari come la statua del pescatore, il paese alto e il lungomare di grottammare senza tralasciare poi l’inserimento di scene girate all’interno dell’ospedale madonna del soccorso, la paninoteca Il Torrione, il Caffè dei poeti, il teatro Concordia e tanti altri.
Giulio Base parla dei sambenedettesi come persone oneste, simpatiche, ricche di buone qualità e lavoratrici fino a  confessarci che in fondo si sente sambenedettese anche lui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *