Grottammare, raccontiamo il 1964

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Paolo VI 1964

Nella foto, lo storico incontro tra Paolo VI e Atenagora I a Gerusalemme all’inizio del 1964

GROTTAMMARE – Subito dopo una conferenza stampa, lo scrivente si reca in una nota pizzeria grottammarese. Alcune persone discutono di un evento finalizzato a riunire tutti i grottammaresi o che con Grottammare hanno avuto a che fare, che in questo difficile 2014 hanno raggiunto il traguardo del mezzo secolo di vita, come Fabio Fazio, Luciana Littizzetto, Nicolas Cage, Miguel Indurain, Sabrina Ferilli e Josefa Idem.

Con l’amico Valter Assenti ci siamo divertiti a confrontarci su questo anno e abbiamo imparato tante cose belle, in un pezzo che non tratta soltanto quest’evento, ma rappresenta un momento dedicato a tutti voi lettori per ricordare questo 1964, anno di boom economico e di tante belle notizie.

La prima è quella più importante. Si tratta della copertina di questo pezzo, riguardante lo storico incontro in Terra Santa tra Papa Paolo VI e Atenagora I, capo della Chiesa Ortodossa. La storicità dell’incontro è dovuta al fatto che per ben quattro secoli i capi della Chiesa Cattolica e Ortodossa non si erano mai incontrati. L’incontro di Gerusalemme sarebbe il primo passo di un Pontefice che ha fatto grande la nostra Chiesa e di cui il nostro Vescovo Carlo è uno degli studiosi più importanti.

Non ho l’età, per amarti, non ho l’età, per uscire solo con te”, così cantava Gigliola Cinquetti da Cerro Veronese che a soli 16 anni dominò Sanremo ed Eurofestival. Si trattava di un affermazione di un personaggio non solo musicale, ma anche attento alle tematiche religiose ed ecclesiali, grazie alle sue conduzioni su TV 2000, già Sat 2000.

Che mondo sarebbe senza una crema di cioccolato capace di conquistare l’intero pianeta? Ad Alba, provincia di Cuneo, la Ferrero inventò questa crema spalmabile, da mettere sul pane, sulle fette biscottate, sui maritozzi e persino su gelati e crepes. E’ la Nutella, idolo d’intere generazioni.

Se con la Ferrero l’Italia s’industrializzava a ritmi esponenziali, un altro tassello importante ha contribuito a far grande il nostro Paese. 743 km di autostrada da Milano a Roma, passando per Bologna, Firenze, Arezzo, Roma, e luoghi storici quali Fontanellato, Orvieto e Teano. E’ l’A1, Autostrada del Sole, il cui completamento avvenne proprio in quell’anno.

Il 1964 è l’anno del diritto comunitario. Con una sentenza della Corte di Giustizia della CEE, viene ribadita la supremazia del Diritto Comunitario sul Diritto Nazionale. Una data da ricordare che rivoluziona quel contesto di atti e fatti che producono una legge, chiamato “fonti del diritto”. Ma il 1964 rappresenta l’anno dei Diritti Civili grazie a Martin Luther King, celebre per il suo “i have a dream”, contro le ingiustizie ai danni dei più deboli e delle altre razze. In quell’anno a Stoccolma, il premio Nobel per la Pace fu assegnato proprio a Luther King.

Il 1964, anno di amori, di spensieratezza, di juke box, anno della grande Inter vincitrice della prima Coppa Campioni della sua storia. Picchi, Suarez, Burnigch, Facchetti e i Sarti, non quelli che tagliano e cuciono i vestiti, bensì Giuliano Sarti, portierione che con le sue mani ha tagliato ogni speranza in quella sera del 27 maggio al Colosso Real Madrid al Prater di Vienna.

Olimpiadi di Tokio, Olimpiadi invernali a Innsbruck, John Surtees campione del mondo di formula 1 con la Ferrari, questo è lo sport del ’64.

Com’era Grottammare nel 1964? Era l’anno del dancing Kursaal, con le “Lacrime sul Viso” di Bobby Solo che facevano impazzire di lacrime le giovani di un tempo, in una San Pio in cui i riti di comunione si svolgevano in ginocchio sulle scalette dell’altare.

Tra le campane di San Pio V, Mario Concetti, Leonardo Mattioli e Maurizio Troli nacquero in quell’anno magico e cinquant’anni dopo hanno organizzato con il patrocinio del Comune una cena evento presso il Residence Le Terrazze con tutti i nati grottammaresi del sessantaquattresimo anno del Novecento, tra comicità, ricordi e tante sorprese.

Appuntamento venerdì 28 novembre alle ore 20.30.

Per prenotazioni (fino al 24): 0735/631073 (Mario Concetti) 3924514117 (Maurizio Troli). 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *