A tu per tu con Mattia Miletta, rappresentante d’istituto dell’IPSIA

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

10448785_754829767924845_752362046071382321_nOggi ho avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Mattia Miletta, attuale rappresentante d’istituto dell’IPSIA di San Benedetto del Tronto.
Leggi le precedenti interviste

Perché hai scelto questa scuola?
Ho scelto questa scuola perché offre molti indirizzi pratici e, non volendo iscrivermi all’università, penso che possa darmi una buona preparazione per inserirmi direttamente nel mondo del lavoro.

Che lavoro vorresti fare in futuro?
Sinceramente non ho idee riguardo al mio futuro. Ho diverse passioni ed interessi. Il settore che mi affascina di più è l’ambito del sistema sanitario d’emergenza. Forse proverò ad inserirmi in questo settore ma, non so.. tutto può succedere!

Cosa ti piace di più della tua scuola?
La mia scuola, a differenza delle altre della provincia, dispone di un convitto per gli studenti. Questa è una delle cose che mi piace di più e che penso valorizzi molto la mia scuola. Un altro aspetto molto positivo è la disponibilità che hanno i docenti nei confronti di noi ragazzi. Sono disposti a seguirci ed aiutarci nello studio, anche nelle ore pomeridiane!

Cosa, invece, non ti piace?
Come in ogni cosa esistono “pro e contro”. Essendo l’IPSIA un istituto a cui sono iscritti molti ragazzi, a volte, ci si scontra con realtà differenti fra loro e spesso diventa complicato gestire il tutto e accontentare le esigenze di ogni studente.

Cosa vorrai cambiare e migliorare?
Il mio obiettivo è riuscire ad eliminare tutto ciò che può ledere e violare i diritti di noi studenti! I ragazzi quando scelgono la loro scuola superiore, qualsiasi essa sia, fanno un “investimento”  per il loro futuro.  Per questi motivi voglio battermi, insieme ai miei colleghi rappresentanti, per migliorare e difendere questo piccolo investimento. Credo che sia fondamentale unire le forze e agire con civiltà ed educazione!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *