Cresimandi San Niccolò, seguo Gesù perché…

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Acquaviva

ACQUAVIVA PICENA – E’ giunta a termine la prima parte del cammino catechistico dei cresimandi di San Niccolò.

“Coraggio, sono io!” è lo slogan dell’icona biblica di quest’anno (Mc 6, 45-52), sulla quale i ragazzi hanno riflettuto in questo periodo e le cui riflessioni abbiamo pubblicato, precedentemente, in due articoli San Niccolò, i cresimandi si danno al giornalismo Acquaviva, i cresimandi e le riflessioni sul rapporto con Dio nei momenti di difficoltà

Queste riflessioni terminano con il versetto in cui il Vangelo dice “E salì sulla barca con loro e il vento cessò”. Dopo aver riflettuto sui temi della famiglia e della paura, sul loro rapporto con Dio nei momenti di difficoltà, i ragazzi sono stati invitati a riflettere sul fatto che la vicinanza delle persone che sono loro accanto li aiuta a intuire la presenza di Dio al loro fianco e sono stati invitati ad assumersi un impegno personale affinché la Parola diventi concreta nelle proprie vite, un impegno che passa attraverso la parola “seguire”: scelgo di seguire Gesù perché…, Mi impegnno a seguire Gesù anche quando…, Scelgo di camminare alla sequela di Gesù insieme a… Pubblichiamo le riflessioni dei cresimandi:

Scelgo di camminare alla sequela di Gesù insieme a tutti coloro che incontrerò lungo la mia strada. Infatti la preghiera non è soltanto un contatto con Dio, ma anche un momento per stare insieme e ringraziare il Signore per tutte le cose che ci dà, belle o brutte che siano. È amando gli altri che si può vedere e sentire la presenza di Dio dappertutto, quindi non ci si deve chiudere in se stessi, bensì pregare insieme con la certezza che lui ci ascolterà.

Mi impegno a seguire Gesù anche quando sono in difficoltà e penso che sia stato lui la causa di tutti i mali, ma, credendo, riesco a vedere che in realtà il vero colpevole sono io e mi rifugio in lui per il perdono.

Scelgo di seguire Gesù perché in lui riesco a confidarmi e a superare gli ostacoli più difficili, riflettendo e pregando.

Scelgo di seguire Gesù perché mi permette di crescere interiormente e anche perché mi ha insegnato a perdonare. Scelgo di seguire Gesù perché ama la diversità, perché la diversità è il motore che rende il mondo uguale. Scelgo di seguire Gesù perché in lui ho la possibilità di vivere.

Scelgo di seguire Gesù perché secondo me ha ancora molto da dirmi e molte cose da farmi scoprire.

Mi impegno a seguire Gesù anche quando non sono in difficoltà, non mi sento solo e sto bene con me stesso.

Seguo Gesù perché so che quando sono con lui mi sento protetto e so che seguendolo non posso sbagliare strada. Inoltre quando sono con Gesù so di avere accanto a me un vero amico al quale ci possiamo affidare quando la vita diventa difficile.

Mi impegno a seguire Gesù sempre, anche quando nella mia vita si presentano delle difficoltà perché sono soprattutto in questi momenti in cui ne ho più bisogno. Aggrapparsi alla fede in questi momenti ti aiuta anche ad avere una speranza quando tutto è perduto.

Scelgo di seguire Gesù perché voglio apprendere da lui e, proprio come lui, aiutare le persone in difficoltà.

Scelgo di seguire Gesù perché lui, quando sono in situazioni di dubbio, paura, tristezza oppure ho la sensazione di essere sola; anche con una parola o una frase riesco a tirarmi su perché capisco che non sono né sola, né triste, né ho paura e che Gesù c’è sempre, nei momenti belli e brutti. Voglio far capire che seguo Gesù per non provare brutte sensazioni e sentirmi protetta, perché lui vuole bene a me come a tutti.

Mi impegno a seguire Gesù anche quando tutto va bene, perché a volte, proprio quando siamo felici, senza rendercene conto, ci dimentichiamo di lui…ma anche quando abbiamo il mondo contro, non dobbiamo pensare che la colpa sia sua; perciò dobbiamo crederci sempre, perché il fatto di credere in Dio è un fatto di fede e bisogna essere forti.

Scelgo di seguire Gesù perché c’è sempre nel momento del bisogno, è come un’ancora a cui puoi aggrapparti sempre, un punto fermo da seguire e prendere d’esempio; la preghiera è il mezzo più veloce per arrivare a lui e magari trovare le risposte che cercavi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *