Terra Santa :”tensioni si superano con l’istruzione”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Terra santa“L’educazione e l’istruzione sono gli strumenti da privilegiare per costruire un futuro di convivenza civile e la risposta migliore che si possa dare per contrastare le crescenti tensioni che stanno segnando Gerusalemme e tutto il Medio Oriente”: lo ha detto George H. Hazboun, presidente dell’American University of Madaba, l’università cattolica della Giordania (www.aum.edu.jo), nata a partire dal 2009 per iniziativa del Patriarcato Latino di Gerusalemme. Con i suoi 1.300 studenti (38% cristiani, il resto musulmani), provenienti da vari Paesi come Giordania, Iraq, Siria, Libano, Territori Palestinesi e zone come la Striscia di Gaza, l’Università vuole essere, come più volte detto dallo stesso patriarca latino di Gerusalemme, Fouad Twal, “un luogo dove l’etica, valori come la pace e integrità morali sono ricercati allo stesso modo che la conoscenza e il sapere scientifico”.

In alcuni di questi Paesi – ha spiegato il presidente che ha incontrato una delegazione di giornalisti della Federazione italiana settimanali cattolici in Terra Santa in questi giorni per un viaggio promosso dall’8×1000 della Chiesa italiana – la convivenza è difficile e messa a dura prova così come il rispetto dei diritti umani. Il nostro scopo, e quello delle altre scuole e istituti cattolici sparsi in tutto il Medio Oriente, è rinsaldare i legami, valorizzare le tradizioni attraverso la cultura e l’istruzione e fare in modo che le religioni collaborino in questa direzione”. Le tensioni violente che stanno da mesi riaffiorando in modo virulento a Gerusalemme, per Hazboun, possono essere prevenute attraverso “validi processi di formazione delle coscienze e di istruzione delle menti delle nuove generazioni. Il dialogo e la comprensione sono favoriti e sostenuti dall’istruzione e dalla conoscenza in una visione che non può non tenere conto del lavoro capace di dare piena dignità alla persona”. “Aiutare gli studenti ad allargare i loro orizzonti e a migliorare le loro abilità – è stata la conclusione – significa formare una nuova generazione di professionisti capaci e di leader coraggiosi aperti all’incontro e al rispetto del bene comune”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *