Su Junker continua a pesare il sospetto di scorrettezze in accordi tra grandi società straniere

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

JunckerMentre sul presidente della Commissione europea Jean-Claude Junker continua a pesare il sospetto di scorrettezze in accordi tra grandi società straniere e il fisco lussemburghese durante il suo premierato, oggi “è cominciata la preparazione del Programma di lavoro della Commissione europea per il 2015, con il lancio da parte del primo vice-presidente Frans Timmermans del processo di discussione all’interno del collegio dei commissari e con il Parlamento europeo e per la prima volta con gli Stati membri”, spiega una nota diffusa da Bruxelles.
La Commissione Junker si dichiara “impegnata nel recuperare la fiducia dei cittadini dimostrando i vantaggi che possono trarre” dall’Ue. Il modo più concreto per farlo sta nel “definire le giuste priorità” di lavoro. Base della discussione saranno due documenti: le “Linee guida politiche” e “L’agenda strategica per l’Unione in tempo di cambiamento”. Così ha spiegato Timmermans: “Il nostro primo programma di lavoro si concentrerà su una serie limitata d’iniziative concrete che possano fare la differenza positiva per i cittadini”. Si lavorerà “in dialogo con il Parlamento europeo e gli Stati membri” attraverso il Consiglio per gli affari generali “per creare sostegno al nostro programma: le proposte sono utili solo se adottate, accolte e propriamente implementate alla base”. Così oggi Junker e Timmermans hanno scritto a Parlamento e Consiglio per lanciare la discussione. Il programma dovrà essere adottato entro la metà dicembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *