Don Giuseppe, Adamo, Sabatino, Alessandra e Chiara accompagneranno il Vescovo al Convegno di Firenze 2015

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Vescovo Bresciani

DIOCESI – Il Vescovo Carlo Bresciani ha designato i Delegati della Diocesi che lo accompagneranno al prossimo Convegno Ecclesiale Nazionale Di Firenze (prot. n. 51/2014) che saranno:
Don Giuseppe Giudici, direttore dell’Ufficio Pastorale del Mare
Adamo di Giacinti, Presidente diocesano Azione Cattolica
Sabatino di Serafino, Presidente Unitalsi
Alessandra Mastri, giovane della Parrocchia Madonna della Speranza e collaboratrice del giornale diocesano L’Ancora
Alessandro Vannicola, giovane della Missio Diocesana
Chiara Verdecchia, impegnata in Diocesi in vari settori tra cui gli oratori diocesani, Pedagogista, formatrice e counselor presso l’università di Urbino

Il convegno si terrà dal 9 e il 13 novembre 2015 e il titolo scelto dai Vescovi è stato: “In
Gesù Cristo il nuovo umanesimo” e sarà il quinto Convegno Ecclesiale Nazionale.
Il primo si tenne nel 1976 a Roma sul tema Evangelizzazione e promozione umana, quindi fu la volta di Loreto nel 1985 (Riconciliazione cristiana e comunità degli uomini), Palermo nel 1995 (Il Vangelo della carità per una nuova società in Italia) e Verona nel 2006 (Testimoni di Gesù risorto, speranza del mondo).

Di fatto nel nostro Paese i cinquant’anni dal Concilio sono stati cadenzati da questi eventi ecclesiali, quasi a rimarcare con anniversari decennali l’eredità conciliare. In questa luce, il tema di ogni Convegno ha incrociato di volta in volta quello degli Orientamenti pastorali del decennio entro cui il Convegno stesso si collocava: Evangelizzazione e sacramenti per il primo decennio (gli anni Settanta), quindi Comunione e comunità (gli anni Ottanta), Evangelizzazione e testimonianza della carità (gli anni Novanta), Comunicare il Vangelo in un mondo che cambia (2000-2010) ed Educare alla vita buona del Vangelo per il decennio in corso.

Dalle linee guida del prossimo convegno si apprende: “A quasi dieci anni dal Convegno di Verona, si sente il bisogno di “convenire”, di rimetterci in cammino per incontrarci in un luogo in cui esprimere sinfonicamente la comune e, insieme, sempre peculiare esperienza credente di ogni Diocesi; per verificare la strada percorsa a partire dall’evento conciliare e valutare seriamente i risultati dei processi di cambiamento. A questo proposito bisognerà registrare ciò che ancora non si è fatto al fine di attuarne le indicazioni, accogliendo sino in fondo le potenzialità che l’insegnamento del Concilio mantiene, specialmente quando ci ricorda che «nel mistero del Verbo incarnato viene chiarito il mistero dell’uomo. […] Cristo, che è l’Adamo definitivo e pienamente riuscito, mentre rivela il mistero del Padre e del suo amore, pure manifesta compiutamente l’uomo all’uomo e gli rende nota la sua altissima vocazione» (Gaudium et spes 22).

Solamente fidandoci di Gesù Cristo, conosciamo che il destino dell’uomo è partecipare della sua stessa figliolanza; è chiamata a oltrepassarsi incessantemente, non per divenire altro da sé, bensì per assumere la propria identità grazie alla relazione con l’Altro. «La fede è luce che viene dal futuro, che schiude davanti a noi orizzonti grandi, e ci porta al di là del nostro “io” isolato verso l’ampiezza della comunione» (Lumen fidei 4).

Si tratta di una promessa il cui profilo ultimo è costituito dal Risorto, nostra incrollabile speranza, che già si va realizzando – qui e ora – per ciascuno. Ciò avviene sulla base di alcune premesse fondamentali: la natura personale che ci distingue da tutti gli altri esseri, senza però indurci a disinteressarci o a separarci dal creato; la spontanea inclinazione alla reciproca dedizione e alla solidarietà; la nostra responsabilità a interloquire con Chi ci interpella nella profondità della nostra coscienza; un’autonomia non autoreferenziale, che si traduce in un maturo esercizio della libertà”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *