Fiera di San Martino a Grottammare, “giovani ebbri andavano dondolando puzzando di vino”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

San Martino

GROTTAMMARE – Si è conclusa la tradizionale fiera di San Martino a Grottammare, domani pubblicheremo la fotogallery con i volti della fiera.

Due belle giornate quasi estive caratterizzate da un’affluenza notevole di persone provenienti dai vari paesi dell’hinterland.
Mamme con i loro bambini, famiglie, nonni, bambini, tanti ragazzi. Tra i punti forti la caratterizzazione della fiera, i suoi punti dedicati al cibo, i prodotti tipici, olive in salamaoia, al peperoncino, agli marinati, pane con noci, agrumi profumati, spezie, norcineria, formaggi di tutte le qualità tra i prodotti più particolari. Non sono mancati banchi di artigianato e vestiario, anche di qualità.

Tra i punti deboli, il ritrovo sito in zona “parchetto” presso il plesso di Scuola Primaria Giuseppe Speranza. dove giovani ebbri andavano dondolando puzzando di vino.

I fatti di cronaca: tanti giovani hanno rimesso per l’eccessivo uso di alcool, una ragazza è finita anche in ospedale.
Si sono scatenati diversi momenti di tensione tra i ragazzi ebbri sfociati anche in rissa.
Un uomo che lavora nel centro di Grottammare in un bar è stato ricoverato in gravi condizioni in ospedale per la violenza subita diversi giovani ubriachi.

Quasi un raduno che non vorremmo sradicasse lo spirito autentico di San Martino, che non deve Invogliare allo “spirito di vino”, ma restare una festa per famiglie e un’occasione viva, prima dell’approssimarsi del grigio inverno, per ritrovarsi in famiglia e assaporare con semplicità i sapori e i profumi dell’autunno.
Altro punto debole
che non si riesce ancora a sradicare è la vendita, in anguste gabbie, di animali vivi stressati, infreddoliti e terrorizzati.

Ciò che in passato non si capiva, vuoi per livello di cultura o di sensibilità, oggI, nel 2014, non è più ammissibile.
Ad ogni buon conto, la fiera è andata bene e siamo contenti che quest’anno la clemenza del clima abbia aiutato lo svolgimento. ” Sono contento- ci ha detto M. – vi ringrazio, vengo dall’Umbria e vado via contento, vi dò appuntamento al prossimo anno, ho venduto bene”. L., cinese, venditrice di abbigliamento, ha detto:” si, ho venduto, ma non tantissimo”. F., venditore di sciarpe:” Grazie, mi avete aiutato a coprire i miei debiti!”. Sembra quindi, sentiti alcuni “campioni”, che i commercianti ambulanti se ne siano andati soddisfatti e questo ci fa piacere.

Susanna Faviani

Giornalista pubblicista dal '98 , ha scritto sul Corriere Adriatico per 10 anni, su l'Osservatore Romano , organo di stampa della Santa Sede per 5 anni e dal 2008 ad oggi scrive su L'Avvenire, quotidiano della CEI. E' Docente di Arte nella scuola secondaria di primo grado di Grottammare.

9 thoughts on “Fiera di San Martino a Grottammare, “giovani ebbri andavano dondolando puzzando di vino”

  • 12 novembre 2014 at 11:59
    Permalink

    Avete proprio ragione è schifoso , in educato e incivile vedere giovani trasformati dall alcool che girano disturbando i visitatori della storica fiera di s. Martino…per 364 giorni l anno facciamo campagna contro l alcolismo , perché l 11/11 tutto è permesso ?chi di dovere Dov è?

    Reply
    • 12 novembre 2014 at 13:35
      Permalink

      Salve, hai ragione, però diciamo anche che ci sono tanti bravi ragazzi che si sanno divertire in modo sano. Io sinceramente toglierei questo ritrovo puzzolente di cantina nel nostro parchetto e non solo perché sono astemia. Saluti.

      Reply
    • 12 novembre 2014 at 16:30
      Permalink

      La mia libertà finisce dove inizia la tua! Togliere un ritrovo per noi giovani in un paese di anziani è ledere tale diritto!
      Se si distruggono degli oggetti o ci si rendi inopportuni è un conto, ma non sta a voi decidere cosa sia il degrado sociale e come uno debba passare il pommeriggio!

      Reply
  • 12 novembre 2014 at 13:09
    Permalink

    sempre a strumentalizzare situazioni per parlare male. se i ragazzi non sono in grado di divertirsi probabilmente la colpa non è della bellissima festa che si è fatta al parchetto ma di genitori che non sono in grado di insegnare ai figli come comportarsi.

    Reply
  • 12 novembre 2014 at 13:53
    Permalink

    Trasferire al parco comunale le associazioni che espongono avanti alla chiesa !! Gli stand delle cantine trasferirli all’interno del tradizionale spazio espositivo, vietando la vendita di vino in dame da 5 e 3 litri.

    Reply
  • 12 novembre 2014 at 14:15
    Permalink

    Giovani ebbri??? Siete carini!! ERA UNO SCHIFFO!

    Ho visto la decadenza dei giovani e la totale assenza delle istituzioni dei genitori, di una famiglia o semplicemente di un gruppo, sano… Senza guida e controllo, ragazzette di 15/16 anni in crisi isterica, urla, disperazione, pianti, provocazioni (il sottoscritto ha ricevuto 3 spallate provocatorie), sono cresciuto in mezzo la strada e so come vanno a finire queste cose. Vigilesse che si nascondevano e guardavano queste vergogne nascoste sotto un albero, al buio nel marcia piede della scuola, indifferenti come per dire so ragazzi, aliti alcolizzati urlando di tutto! Cazz… miei, putan… Succhiami qui, ciucciami la…. io giravo con la mia bambina sopra le spalle in assetto di guerra e 20′ e mi son bastati e mi chiedo, come reagiscono i genitori di questi ragazzi che tornano a casa di martedi alle 20,00 completamente ubriachi?
    Anziani terrorizzati, quello che era una festa non lo è più. Non ha e non ho visto nessun senso. Sindaco ci ripensi, o siete in grado di gestire ad ampio raggio la kermesse senza limitarsi al solo affitto dello spazio NOSTRO, o chiudete bottega perché chi vede queste cose (e mi creda che ho visto cose nel mio quartiere dove son nato e nella vita) Un po rimane schifato e un po fa tornare la paura dei vecchi tempi. Amministrazione da 1 a 10, uno scritto in rosso! ed è pure tropo.

    Reply
  • 12 novembre 2014 at 14:35
    Permalink

    Vedere la fiera di San Martino trasformata in un’occasione per far ubriacare i ragazzi e far guadagnare gli stand dei vini mi sembra veramente vigliacco. Speriamo che l’amministrazione comunale se ne renda conto e smetta di lodarsi x come hanno organizzato la fiera negli ultimi anni. Penso che la salute dei nostri figli venga prima del denaro…o no???

    Reply
  • 12 novembre 2014 at 15:56
    Permalink

    Troppo buoni nel commentare un degrado sociale imbarazzante per tutta la comunità Grottammarese e veri e propri atti vandalici per le vie del centro e del lungomare!!!!
    Non dimentichiamoci di menzionare la vendita abusiva di capi falsi e contraffatti (se non sbaglio la contraffazione e ricettazione è reato…ma a quanto pare non qui), non si capiva se era la via “del cibo” o degli extracomunitari che vendevano di tutto!!!!
    In due giorni di fiera ho visto 2 finanzieri, 2 carabinieri (in entrambi i casi passeggiavano, ma il controllo si fa anche così) e un solo vigile urbano (impegnato tra l’altro in pubbliche relazioni).
    Non ci vuole molto per capire che ci vuole più controllo nel vigilare 9000 mq di fiera, senza considerare che ad ogni angolo, privi di controllo, venivano venduti alcolici a qualsiasi persona persona provvista di pochi euro!

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *