Grottammare e Châteauroux, unite nella celebrazione di Franz Liszt

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Festival

GROTTAMMARE – Il Festival Liszt varca i confini nazionali e si fa apprezzare anche in Francia. Siglato a Châteauroux  importante gemellaggio culturale  con il festival  Lisztomanias nel segno del grande Franz Liszt che ha lasciato tracce della sua musica nel suo soggiorno a Grottammare, nell’estate del 1868 . La splendida esibizione del direttore artistico del FestivaLiszt,  Federico Paci al clarinetto, della talentuosa Maria Margherita Paci al violoncello e del maestro Pierre Réach al pianoforte,  ha suscitato l’entusiasmo del pubblico presente alla Chapelle des Redemptoristes di Châteauroux.  Tale concerto ha sancito il gemellaggio tra il Lisztomanias Festival di Chateauroux con il Festival Liszt di Grottammare. Il programma dal titolo “Lettere di Liszt da Grottammare” prevedeva l’esecuzione di brani di compositori italiani , naturalmente di Liszt e di  Beethoven, musicista tra i più cari al grande  compositore ungherese. Per il concerto del gemellaggio si è esibito, dunque, un trio  composto per l’occasione, formato da Federico Paci, da Pierre Reach,  consulente scientifico del Festival Liszt , artista francese di grande fama e spessore, che ha favorito e posto le basi per il gemellaggio tra i due festival, e Maria Margherita Paci, rappresentante della componente giovanile del Festival. La stampa francese ha dato ampio spazio all’evento, sottolineando anche la straordinaria esecuzione della bravissima e giovane violoncellista, di 19 anni, della Giovane Orchestra dell’ Accademia di Santa Cecilia di Roma.  In rappresentanza del Comune,  il consigliere  Stefano Novelli che ha consegnato un libro fotografico su Grottammare  all’addetto alla cultura del Comune di   Châteauroux.   Ampio spazio al gemellaggio anche sul depliant di Lisztomanias Festival che descrive il  soggiorno di Liszt a Grottammare  ed il noto festival  che da 11 anni si tiene nella chiesa di santa Lucia.  Sono stati menzionati  anche i premiati al FestivaLiszt:  il grande Leslie Howard che ha inciso l’integrale di Liszt , unica al mondo, (99 Cd, Hperion) e Jean- Yves Clement, direttore artistico di Lisztomanias.

Il programma:

Nino Rota – “Sonata” per clarinetto  e pianoforte

Franz Liszt – “Elegia” per violoncello e pianoforte

Franz Liszt – “La lugubre gondola” per violoncello e pianoforte

Franz Liszt – “Vallée d’Obermann” per pianoforte solo

L.v-Beethoven – “Trio op. 11” per clarinetto, violoncello e pianoforte

Molto importante, dunque, il collegamento ed il gemellaggio con uno dei più importanti festival al mondo dedicati a Liszt, segno della stima e del riconoscimento che il FestivaLiszt di Grottammare si è guadagnato a livello internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *