San Benedetto del Tronto, i progetti per abbattere le barriere architettoniche illustrati alla Consulta per la disabilità

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

mense scuola spalvieri sorge con cuocheSAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si è tenuto nei giorni scorsi un incontro tra l’assessore alle politiche sociali Margherita Sorge, il Presidente della Consulta Comunale per la disabilità Jonny Perozzi e il suo vice Nazzareno Torquati, il responsabile del progetto ing. Enrico Offidani, il funzionario dei servizi sociali Alessandro Marinelli nel corso del quale sono stati illustrati i lavori di abbattimento delle barriere architettoniche programmati dall’Amministrazione comunale nelle vie Mattei, Rubicone e Foglia in zona Ragnola.

Il progetto prevede l’adeguamento dei marciapiedi nelle prime due vie e la creazione di un nuovo tratto sul lato ovest di via Foglia. I lavori consisteranno principalmente nel disfacimento dei marciapiedi esistenti, visibilmente deteriorati dalle radici dei pini che hanno alzato anche il manto stradale, nel rifacimento di oltre 2.000 metri quadrati di percorsi pedonali e nella collocazione di essenze arboree meno invasive.

Nel progetto è prevista anche la realizzazione di un tratto di pista ciclabile che va dalla rotatoria di via Mattei alla pista ciclabile già esistente che corre parallela al rilevato ferroviario. Il costo dei lavori è di 250.000 euro. Dopo l’espletamento delle procedure di gara, la ditta che eseguirà i lavori avrà 120 giorni per portare a compimento le opere.

“Nel programma di progressiva eliminazione delle barriere architettoniche della città – dichiara l’assessore Sorge – abbiamo illustrato al presidente e vice presidente il progetto di riqualificazione dei marciapiedi in zona Ragnola. Conoscere il loro parere in merito al progetto è un modo per migliorare le scelte dell’Amministrazione ed accrescere il livello di attenzione e sensibilità sui temi dell’accessibilità. Il fatto che il riscontro sia stato favorevole ci conforta nella correttezza delle nostre scelte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *