Il prezzo del petrolio scende… chi gioisce e chi no

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

benzinaDi Nicola Salvagnin

A Ferragosto, il petrolio costava 103 dollari al barile; due mesi dopo 20 dollari in meno, cioè soli 83 dollari. Più che un calo, un crollo dei prezzi sui mercati mondiali, dovuto a differenti fattori (eccesso di produzione, scarsa domanda, incapacità dell’Opec di frenare la discesa dei prezzi…) tutti concorrenti ad un fenomeno che a noi italiani automobilisti – ma non solo – non può fare che piacere.
Vi sarete accorti che, dopo tanto tempo, i prezzi di benzina e gasolio stanno calando. Con calma, certo non nella misura di quanto sta succedendo alla materia prima: si sa che i rialzi dei carburanti sono fulminei, i cali assai ponderati e diluiti nel tempo.
Ma sappiate anche che siamo all’inizio. Salvo imprevisti, caleranno di ulteriori 10 centesimi al litro nei prossimi mesi: nelle stazioni di servizio più economiche, troveremo gasolio a 1,38 euro, e benzina a 1,50 al litro.
Tutto bene, dunque? Sì e no, perché questa netta flessione del prezzo degli idrocarburi è come una medaglia: ha due facce. Quella sorridente guarda soprattutto i consumatori: meno soldi spesi alla pompa sono più soldi in tasca per le altre spese. E il calo influirà pure sulla quotazione del metano, strettamente collegata a quella del petrolio: costerà un po’ di meno riscaldarsi, ma pure produrre elettricità dalle centrali a gas.
Tutto questo farà calare pure i costi di molte aziende, da quelle di autotrasporto a quelle energivore. Una diminuzione che probabilmente si scaricherà, in piccola parte, pure sui prodotti finali.
E qui s’intravvede l’altro lato della medaglia, quello che farà sorridere meno l’Italia intera, e piangere lo Stato italiano. Vista l’incidenza dei costi energetici sull’inflazione, questa calerà ulteriormente. Ma siccome siamo già attorno a quota zero, significa uno scivolo sempre più ripido verso la deflazione. Che in economia è come un cancro: fa solo danni, è difficilissimo da debellare.
Ma a piangere a stretto giro di posta sarà soprattutto lo Stato italiano, che da Iva e accise sui carburanti trova buona parte della “benzina” che gli permette di funzionare. Un’enorme fetta del costo di gasolio, benzina, metano, energia elettrica, infatti, è composta da tasse varie, tante e pesanti. Più ne consumiamo, più soldi versiamo alle casse statali. In caso contrario, come questo, l’Erario vedrà allontanarsi qualcosa come 2 miliardi di euro pronta cassa. Noccioline? Mica tanto. Per una cifra di poco superiore (che dovremmo pagare) stiamo facendo a botte con l’Unione europea…
Rimane il fatto che la faccia della medaglia più sorridente primeggia sui mugugni fiscali. Tra una cosa e l’altra, ci rimarranno in tasca qualcosa come 10 miliardi di euro: siamo un Paese che importa normalmente fiumi di petrolio e gas. Se questi soldi si riversassero nell’economia domestica, invece che nelle tasche di Putin e sceicchi vari, questa ne avrebbe una tonificante iniezione di adrenalina. E lo Stato recupererebbe con l’altra mano (leggi Irpef, Irap e Iva) quello che sta perdendo con questa.
Salvo l’ipotesi più agghiacciante, che è l’esatto panorama odierno: tutti si tengono ben stretti i soldi sotto il materasso. Niente maggiori consumi, niente maggiori investimenti. Butteremmo la medaglia bella dentro un pozzo che rischia di inghiottirci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *