La preghiera alla Madonna del Rosario nella Concattedrale montaltese

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Montalto Marche Cattedrale S. Maria AssuntaDi Lauretanem

MONTALTO MARCHE – L’immagine della Beata Vergine Maria del Rosario, conosciuta anche semplicemente come Madonna di Pompei, o più correttamente come Madonna delle Vittorie, è legata alla nostra terra come a tutta la cristianità per gli eventi della battaglia contro la potenza islamica nel sedicesimo secolo.

Oggi essa ci invita piuttosto ad un dialogo sempre più attento e ad un’apertura sempre più grande verso chi è diversamente, ma non per questo erroneamente, incamminato verso la Verità piena del Vangelo di Cristo, su strade religiose fraternamente legate alla nostra Fede. Entrando nella nostra chiesa in questo mese di ottobre, Mese del Rosario (al giorno sette infatti, anniversario della “vittoria” di Lepanto del 1571, si celebra la memoria mariana della Beata Vergine Maria del Rosario), accanto al presbiterio, i fedeli incontrano lo sguardo di una Madre che invita alla preghiera, o meglio alla riscoperta di questa affatto sorpassata preghiera litanica che, nel ripetersi di espressioni evangeliche di saluto a Maria e nella comune invocazione della sua intercessione materna nei diversi momenti ed ambiti della vita quotidiana, ci permette di approfondire un ampio momento di meditazione e di supplica.
Più volte, in questi giorni ottobrini, il Parroco ha guidato egli stesso la preghiera comunitaria, soprattutto il Mercoledì mattina, meditando i Misteri della vita di Cristo, di Maria e della prima Comunità cristiana, che arricchiscono la celebrazione del Mistero di Cristo, nelle insostituibili e fondamentali forme della Liturgia eucaristia e della Liturgia delle Ore, che restano il cardine della preghiera della Chiesa e del cristiano, e quindi anche alla base della lode comunitaria delle nostre Parrocchie. Nella prima Domenica di questo mese, inoltre, come ogni anno, e come ogni ottavo giorno del mese di maggio, tutta la Comunità cristiana è stata invitata alla recita della tradizionale Supplica, composta dal Beato Bartolo Longo, fondatore del Santuario di Pompei, che si suole pregare a mezzogiorno, al termine della Celebrazione eucaristica di tarda mattinata. Anche le diverse intenzioni importanti della preghiera comunitaria di questo mese (Sinodo straordinario dei Vescovi, ripresa della Catechesi parrocchiale, Ottobre missionario, Beatificazione del Servo di Dio papa Paolo VI… ), sono state presentate al Signore attraverso le mani premurose della sua e nostra Madre dolcissima, perché possano essere sostenute dalla sua intercessione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *