La Confraternita della Misericordia e Morte tra le più attive ed antiche a Ripatransone

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

confraternità

Di Silvio Giampieri

RIPATRANSONE – La Confraternita della Misericordia e Morte è tra le più attive ed antiche a Ripatransone, essendo stata fondata attorno al 1557.

Nella sua denominazione si può trovare già spiegata la sua originaria finalità, cioè quella di dare degna sepoltura a poveri e derelitti, che all’epoca abbondavano, in osservanza appunto al precetto cristiano di seppellire i morti (opere di misericordia corporale). A testimonianza di ciò c’è da ricordare che l’attuale chiesa-oratorio, nella quale l’aggregazione ha sede, è dedicata a San Giovanni Decollato, la cui immagine è conservata in sagrestia in attesa di restauro. Infatti secondo la tradizione ecclesiale, i primi compagni del Battista, saputo che era stato giustiziato, andarono a recuperarne il corpo onde seppellirlo degnamente. Ecco la genesi della spiritualità cui questa compagnia si riallaccia e la motivazione per cui ancora oggi, accanto alle attività liturgiche, ci sia da parte sua l’impegno nella costruzione e gestione di loculi di edilizia cimiteriale, essendo venuta meno la prassi di accompagnare le salme al cimitero, con l’avvento delle moderne onoranze funebri.

Oltre a questo primitivo scopo della Confraternita, si affianca l’organizzazione e animazione della processione dell’Addolorata, due giorni prima la Domenica delle Palme, ma soprattutto quella del Cristo Morto il Venerdì Santo. Nella loro chiesa è conservata infatti l’artistica ed antica bara lignea, che viene rivestita di paramenti ricamati in oro ed argento e trasportata solennemente per le vie della città in questa ricorrenza, accompagnata dalla banda cittadina e da molti fedeli che accorrono dalle località vicine.

Fino ad un paio d’anni or sono l’oratorio di San Giovanni Decollato vedeva svolgersi al suo interno l’ottavario per i defunti nel mese di Novembre al fine di favorire nella popolazione locale la preghiera per le anime dei propri cari. In tal senso andavano anche una serie di pie pratiche tra cui l’esercizio della Via Crucis in Quaresima, della Via Matris nel mese di Settembre, delle Quarant’ore di Adorazione Eucaristica nel periodo natalizio e la recita dell’Ufficio dei Defunti. Questo luogo di frequente ospita anche concerti di  musica sacra essendo presente un antico e pregevole organo di recente restaurato.

La Confraternita si è distinta nel corso degli anni in varie opere di carità sostenendo iniziative in favore della popolazione a più livelli, e si auspica che tale azione possa essere potenziata in futuro, in linea con lo spirito cristiano che deve animare questo tipo di aggregazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *