La Provincia attiva 9 borse lavoro per i beni culturali

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

museo tarpato

PROVINCIA – La Provincia ha attivato 9 borse lavoro per laureati destinate al sostegno dell’occupazione giovanile qualificata nel settore della valorizzazione dei beni culturali. Già da lunedì prossimo i nove borsisti, precedentemente individuati con selezione pubblica, saranno al lavoro in “contenitori culturali” del territorio provinciale come musei ed archivi.

I laureati saranno impegnati in attività di valorizzazione delle strutture interessate con compiti che vanno dallo svolgimento di attività culturali, all’ampliamento dell’offerta dell’orario di apertura, alla realizzazione di laboratori didattici e brochure fino a specifiche azioni di promozione con particolare riguardo al mondo della scuola, ma anche in una prospettiva regionale e nazionale.

Il progetto, di durata annuale, è stato finanziato con oltre 87 mila euro nell’ambito di un fondo regionale e i ragazzi hanno firmato la documentazione di adesione presso la sala “Ugo Toria” dell’Ente, alla presenza del dott. Roberto Giovannozzi del Servizio Cultura e Turismo della Provincia, dei sindaci e dei responsabili culturali interessati.

E’ fondamentale promuovere e favorire ogni progettualità destinata a valorizzare e rendere più fruibile il patrimonio culturale del territorio impiegando giovani laureati del Piceno – evidenziano il Presidente della Provincia Paolo D’Erasmo e la Consigliera Valentina Bellini -; crediamo che le specificità culturali della nostra terra siano una risorsa primaria su cui puntare per dare un futuro alle nuove generazioni; in questa prospettiva, l’impegno dell’Amministrazione sarà quello di intercettare, attraverso il coinvolgimento attivo delle strutture dell’Ente, ogni possibile risorsa europea, nazionale o regionale finalizzata a tale obiettivo“.

Sulla base dei progetti di rete a titolarità provinciale di recente avviati e delle realtà culturali esistenti, i 9 borsisti sono stati ripartiti nel seguente modo: 2 ai musei presenti alla Cartiera Papale di Ascoli Piceno, 1 alla rete dei Musei Sistini presso la Diocesi di San Benedetto del Tronto, 1 alla sede museale di Offida nell’ambito della rete interterritoriale dei Musei Piceni, 1 alla Pinacoteca Comunale di Ascoli Piceno (Rete Musei Civici), 1 presso il Centro Studi Tradizioni Picene, 1 al Polo Culturale presso l’ex chiesa di Sant’Ilario – Tempio di Sant’Emidio alle Grotte di Ascoli Piceno, 1 a disposizione degli archivi storici dei Comuni di Grottammare, Carassai, Cupramarittima e Massignano e, infine, 1 assegnato agli archivi storici dei Comuni di Castel di Lama, Montemonaco, Comunanza e Ripatransone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *