Tutti invitati in Cattedrale per la Veglia Missionaria

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Missio (960x720)

Foto riunione Ufficio Missio in preparazione alla Veglia Diocesana

DIOCESI – Pubblichiamo la lettera del nostro Vescovo Mons. Carlo Bresciani:

Carissimi in Cristo Gesù,
come ben sapete, il mese di ottobre è dedicato dalla Chiesa alla preghiera per le missioni in tutto il mondo.

Il comando di Gesù “Andate in tutto il mondo e predicare il Vangelo ad ogni creatura” (Mc 16, 15) sta all’origine della nostra stessa fede e della Chiesa. Si tratta di un comando che non possiamo dimenticare, se vogliamo rimanere in comunione con Gesù, il Risorto.
Questo mese dedicato per le missioni vuole essere una prima risposta di amore a questo comando del Signore. Non tutti possiamo andare in missione, ma tutti possiamo essere missionari con la preghiera e l’aiuto fraterno.

Ancora oggi, in terra di missione molti sacerdoti, religiosi e laici rischiano la vita, non di rafo vengono uccisi (non da ultimo in modo drammatico in Iraq e Siria), per il solo motivo di essere cristiani e di parlare dell’amore di Dio Padre per ogni uomo, di ogni popolo, razza e lingua.

Domenica 19 ottobre celebreremo la giornata missionaria mondiale in ogni parrocchia e pregheremo uniti per le missioni di tutto il mondo, raccogliendo – secondo la volontà di Papa Francesco – anche le offerte a sostegno delle molte necessità di chi si trova ad annunciare il Vangelo in Paesi poveri e privi di mezzi. Ogni parrocchia si senta impegnata per questa giornata secondo le indicazioni del nostro Ufficio missionario.

Come diocesi ci troveremo insieme per la Veglia di preghiera missionaria giovedì 16 ottobre alle ore 21.15 in Cattedrale. Invito tutti a questo incontri di preghiera con il quale vogliamo anche esprimere la nostra solidarietà credente ai fratelli perseguitati per la loro fede.

Come fratelli nella fede non possiamo dimenticare questi nostri fratelli, insieme a tutti coloro che non hanno ancora conosciuto il nostro amato Signore. Sentiamoci tutti impegnati nella preghiera, innanzitutto.
Nell’unico corpo di Cristo che è la Chiesa, quando un membro soffre, tutto il corpo soffre; quando un membro è nel bisogno, tutto il corpo è nel bisogno.

Giunga a tutti un fraterno abbraccio nel Signore e la Sua copiosa benedizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *