Ricevuti in Municipio rifugiati e richiedenti asilo politico ospiti a San Benedetto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ventisette tra rifugiati e richiedenti asilo politico ospiti della città di San Benedetto sono stati ricevuti questa mattina, venerdì 3 ottobre, in Municipio dall’assessore all’integrazione Luca Spadoni, del Tronto. Si tratta di due nuclei familiari con bimbi nati in Italia e giovani tra 18 e 30 anni.

Queste persone sono arrivate in Italia tra marzo ed agosto 2014 da Somalia, Nigeria, Eritrea, Egitto, Sudan e Pakistan, territori dove c’è la guerra o comunque sono presenti conflitti, attraverso un progetto di accoglienza ed integrazione della rete degli Enti locali SPRAR che beneficia di appositi fondi stanziati dal Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell’asilo del Ministero dell’Interno.

Il Comune di San Benedetto, con il supporto del Gruppo Umana Solidarietà (GUS), garantisce a queste persone interventi di “accoglienza integrata” che, oltre alla distribuzione di vitto e alloggio, comprendono assistenza linguistica, legale, sanitaria e psicologica. Inoltre li si aiuta ad entrare nel mondo del lavoro: alcuni già lavorano o stanno svolgendo tirocini formativi.

Come ha specificato il presidente del GUS Paolo Bernabucci, entro la prossima settimana arriverà un altro nucleo familiare proveniente dalla Nigeria.

“Vi diamo il benvenuto a San Benedetto – dichiara l’assessore all’integrazione Luca Spadoni – la vostra presenza qui oggi, giorno dell’anniversario del tragico naufragio del 3 ottobre 2013 in cui persero la vita oltre 360 eritrei nel mare di fronte a Lampedusa, acquisisce un valore simbolico molto rilevante. Ci auguriamo che possiate presto trovare la serenità che meritate e che possiate riconquistare i diritti che a noi sembrano elementari, ma che nei territori da dove provenite sono violati ogni giorno. Ci farà piacere se qualcuno di voi diventerà cittadino sambenedettese inserendosi a pieno titolo nella nostra comunità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *