Grottammare, verde pubblico bello e impossibile

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

GROTTAMMARE – Erbe spontanee e frutti della stagione autunnale fanno gola ed è tanta la passione manifestata da alcuni cittadini circa la loro raccolta che l’ufficio Ambiente invita gli interessati a documentarsi preventivamente sui possibili rischi derivanti dal consumo alimentare dei frutti del verde pubblico.
Fanno eccezione le piante di ulivo, oggetto non a caso di un bando per la concessione ai privati della raccolta delle olive. Scaduto ieri, 30 settembre, l’avviso ha registrato otto domande. Entro la fine della settimana avverrà la scelta dei sei assegnatari.

“Fiori, frutti e foglie di essenze piantumate a scopo ornamentale – che siano alberi ad alto fusto o arbusti – o cresciute spontaneamente nei parchi pubblici o a bordo strada, come le erbe spontanee, non sono commestibili”, fa notare l’agronomo comunale Elisa Mauro.
La raccomandazione è d’obbligo dopo la segnalazione dell’esperienza di cui è stata vittima una raccoglitrice casuale di bacche che si è imbattuta in una pianta di mandorlo e non ha resistito alla tentazione di assaggiarne i frutti. Si trattava di mandorle amare, ma troppo amare per non passare inosservate e ricorrere al consulto dei sanitari. “Nulla di preoccupante, per fortuna – fa sapere il tecnico agronomo -, ma è sempre bene restare in guardia quando si tratta di piante non destinate al consumo alimentare”.

Passando dal verde pubblico a quello privato, gli stessi uffici richiamano l’attenzione dei proprietari di aree confinanti con la rete ferroviaria, ricordando loro i contenuti dell’ordinanza che li impegna a verificare lo stato della vegetazione a ridosso della linea e, nel caso, a eliminare i fattori di pericolo di caduta o di incendio, al fine di garantire sia la pubblica incolumità che la pubblica utilità del servizio ferroviario.

Il testo integrale dell’ordinanza (nr. 63 del 2 settembre, a firma del responsabile dell’area Ambiente e Manutenzioni, geom. Piergiorgio Butteri) contiene tutta la normativa di riferimento ed è pubblicato tra le informazioni in evidenza del sito internet comunale www.comune.grottammare.ap.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *