L’Esperienza del Centro Diurno Il Giardino dei Tigli

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Articolo della Dottoressa Lucia Epifani

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Centro Diurno Alzheimer opera dal 2007 grazie ad un accordo stipulato fra l’Asur Area Vasta 5 ed il Comune di San Benedetto del Tronto; nato  dal 2007 attualmente gestito per l’erogazione dei servizi dalla Cooperativa Sociale Nomeni.

Il centro diurno entra nella rete dei servizi di assistenza e cura alla persona, come struttura semi-residenziale con elevato livello di integrazione socio-sanitaria; si pone a livello intermedio e quindi come momento di prevenzione tra assistenza domiciliare e strutture residenziali (RSA, case di cura) e si configura come luogo di accoglienza, tutela e assistenza per le persone anziane e non con problemi di parziale o totale non autosufficienza, dovute alla compresenza di alcune patologie comportanti l’alterazione delle capacità motorie, il decadimento cognitivo e patologie croniche multiple.

Ospita fino ad un massimo di 18 persone che possono frequentare il centro con modalità di inserimento a tempo pieno o parziale. In poco tempo il centro si è riempito ed oggi abbiamo un continuo di 18 utenti

Si basa su:

1)  OBIETTIVI RIVOLTI ALL’UTENTE:

– Contrastare il declino cognitivo e/o ridurre e contenere i disturbi del comportamento del malato;

– Mantenere le capacità funzionali residue e conservare il più a lungo possibile le capacità funzionali e motorie;

– Consentire il mantenimento del soggetto a domicilio, evitando una precoce istituzionalizzazione;

2)  OBIETTIVI RIVOLTI AL FAMILIARE:

–  Sostegno alle famiglie a rischio di stress psicofisico, per ridurre i livelli di ansia e quello” stato continuo di impotenza”;

–         Consulenza circa le esigenze dei loro congiunti al fine di dotarli degli strumenti necessari per la gestione del malato e per favorire interventi adeguati anche nei casi di emergenza.

3)   AMBIENTE TERAPEUTICO:

– Prende in considerazione tutte le caratteristiche di un setting adeguato alla cura: modalità di lavoro, caratteristiche del luogo (sicurezza, illuminazione adeguata, indicazioni grafiche, ausili), tempi, relazione con gli operatori.

– Ogni persona all’interno del centro manifesta il bisogno di essere messa in condizione di godere e conservare la propria dignità, il proprio valore, anche in caso di perdita totale o parziale della propria autonomia. Questa persona è portatrice di un patrimonio storico, culturale ed esperienziale e attraverso le attività occupazionali si cerca di far sì che questa importante risorsa si possa esprimere e possa essere condivisa liberamente.

– L’obiettivo riabilitativo del centro e quello di individuare ed attivare le risorse presenti nella persona e favorire l’autopromozione intesa come capacità di attivarsi automaticamente.

EVENTI FORMATIVI REALIZZATI IN QUESTI ANNI

1) CONVEGNO: 2007-2010 tre anni di esperienza del Centro Diurno Alzheimer Il Giardino dei Tigli

2) Convegni a cadenza annuale sulle demenze in collaborazione con la UO di Neurologia, Geriatria e il Distretto  di San Benedetto del Tronto

3) Pubblicazione di una Carta dei Servizi per le demenze dal titolo “La mente altrove” da parte del Comune di San Benedetto, la  ASUR EX 12 e Distretto di San Benedetto del Tronto, un vademecum per i familiari dei pazienti  affetti da Demenza

4)  Progetto UP-TECh, un progetto di alta tecnocologia  per i malati di Alzheimer in collaborazione con il Distretto e la Neurologia di San Benedetto , coadiuvati dall’INRCA

5) PERCORSO FORMATIVO sulle demenze: “Caffè Alzheimer Conoscere la malattia per affrontarla” (realizzato in tutto l’anno 2014 con 4 incontri con gli  specialisti ed i  familiari).

6) Costituzione dell’Associazione Alzheimer “IRIS”

Il Centro Diurno Il Giardino dei Tigli ringrazia tutti gli Enti che collaborano nella crescita della qualità del centro, un particolare ringraziamento ai Servizi Sociali del Comune di San Benedetto del Tronto, all’Unità di Valutazione Distrettuale: Dottoressa Maria Teresa Nespeca, Dottore Michele Ragno, Dottoressa Cristina Paci, Dottore Pietro Infriccioli e Dottoressa Antonia Quarticelli, all’associazione Alzheimer “IRIS insieme a te”; Tutta Equipé socio-assistenziale che opera nel centro diurno Il Giardino dei Tigli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *